Giulio Einaudi editore

L’affare migliore di Enrico

Giotto e la cappella Scrovegni
Copertina del libro L’affare migliore di Enrico di Chiara Frugoni
L’affare migliore di Enrico
Giotto e la cappella Scrovegni
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

«Chi si ricorderebbe oggi di Enrico se non ci fosse stato Giotto? In definitiva quelle pitture furono il migliore affare del grande finanziere».

2008
Saggi
pp. XX - 606
€ 75,00
ISBN 9788806184629

Il libro

Dante pose tra i dannati dell’Inferno il padre di Enrico Scrovegni, Rainaldo, bollandolo come usuraio. Per molto tempo questa condanna ha portato ritenere che il figlio avesse fatto erigere la cappella padovana per espiare i propri peccati di usura, e quelli del genitore. Il libro di Chiara Frugoni capovolge questa tenace interpretazione, accolta ancora di recente. Enrico, banchiere, imprenditore e uomo politico, attraverso Giotto volle proclamare il buon uso delle ricchezze, se impiegate in opere caritative, e presentarsi con il volto del mecenate. A questa tesi l’autrice giunge esaminando da una parte numerosissimi documenti d’archivio e il lungo e appassionato testamento del committente – rimasto fino ad oggi inedito, e qui pubblicato, tradotto e puntualmente commentato da Attilio Bartoli Langeli -, dall’altra analizzando scena per scena gli affreschi, riprodotti nel ricco apparato illustrativo. Un’attenzione particolare è riservata da Chiara Frugoni alla fascia dei Vizi e delle Virtú alternati a finti marmi (questi ultimi indagati nel loro significato da Riccardo Luisi), letta come la parte piú personale di Enrico. Il saggio, intrecciando con grande finezza fonti testuali e iconografiche, disegna una biografia nuova e sorprendente di Enrico Scrovegni, desideroso di catturare attraverso il programma pittorico il consenso e la gratitudine dei concittadini.

«A cosa mirava Enrico, quando, all’incirca sulla trentina, cominciò a costruire la “parva ecclesia”? Che cosa avrebbe voluto diventare? Probabilmente in questa fase della vita l’ambizioso Scrovegni vedeva per il suo futuro più profili possibili: grande banchiere, influente uomo politico, uomo di potere e forse addirittura al potere; per questo cercava di tenere aperta ogni eventualità. […] Attraverso gli splendidi affreschi Enrico Scrovegni volle istituire un colloquio continuo con la sua città e presentarsi ancora con un altro profilo, quello del mecenate. Facendo un uso caritatevole delle ricchezze accumulate le rimetteva in circolo, beneficando i padovani di doni spirituali. Inoltre, chi si ricorderebbe oggi di Enrico se non ci fosse stato Giotto? In definitiva quelle pitture furono il migliore affare del grande finanziere».

Altri libri diChiara Frugoni
Altri libri diStoria medievale