Giulio Einaudi editore

Zona disagio

Copertina del libro Zona disagio di Jonathan Franzen
Zona disagio
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Raccontare la propria storia, scavare nel proprio passato, può significare entrare in una «zona disagio» dove rancori, delusioni e antiche frustrazioni stanno in agguato.

2008
ET Scrittori
pp. 216
€ 11,00
ISBN 9788806193119
Traduzione di

Il libro

Dopo aver creato una delle famiglie piú famose d’America, i Lambert delle Correzioni, Jonathan Franzen mette in scena la famiglia Franzen. Lo fa in un’autobiografia che diverte, commuove e brilla d’intelligenza.
A quarant’anni, poco dopo la morte della madre, Jonathan Franzen ritorna a Webster Groves, il tranquillo sobborgo di St Louis dov’è cresciuto. I due fratelli maggiori l’hanno incaricato di cercare un agente immobiliare per vendere la vecchia casa di famiglia. Appena entra nelle stanze in cui ha trascorso infanzia e adolescenza, Franzen si sente un «conquistatore che bruciava le chiese e fracassava le icone del nemico». E il nemico è la famiglia. Ma questo è solo il primo impatto, perché il suo atteggiamento rivela subito un’intenzione diversa e piú profonda. Se decide di entrare nella «zona disagio» che è il proprio passato, Franzen lo fa per prolungare il gesto del padre, che ogni sera muoveva il termostato del riscaldamento di casa verso la «zona benessere». In lui l’ironia è sempre accompagnata da un movimento contrario di indulgenza e innesco emotivo.

Altri libri diJonathan Franzen