Giulio Einaudi editore

Viaggio a Itaca

Copertina del libro Viaggio a Itaca di Anita Desai
Viaggio a Itaca
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Quando l'Occidente fugge nell'infinita complessità della spiritualità indiana.

2005
Supercoralli
pp. 306
€ 18,00
ISBN 9788806149253
A cura di
Traduzione di

Il libro

A metà degli anni Settanta, guidati dal Pellegrinaggio in Oriente di Hermann Hesse, due giovani, l’italiano Matteo e la tedesca Sophie, sono arrivati in India: frequentano l’ashram di Sri Aurobindo sotto la guida ascetica e autoritaria della Madre che dirige la comunità. Sarà necessario un altro viaggio – e Sophie lo farà – per capire chi è veramente la misteriosa Madre e qual è stata la storia che l’ha portata a diventare depositaria della saggezza di Sri Aurobindo.

Un viaggio per capire e per salvare il rapporto d’amore fra Sophie e Matteo. La natura ambigua dell’amore divino e dell’amore umano sono al centro di questo romanzo, che Anita Desai ha cominciato a scrivere nel 1992, durante un lungo soggiorno in Italia. I protagonisti sono due giovani europei: Matteo che, come molti altri della sua generazione, negli anni Settanta va in cerca di illuminazione spirituale negli ashram dell’India, e Sophie, una giovane donna tedesca che pur non condividendo il suo bisogno di ascetismo e preghiera decide di seguirlo per amore.
Desai osserva con occhio insieme compassionevole e ironico le loro peregrinazioni esistenziali fino all’incontro con la Madre – personaggio centrale del romanzo, esplicitamente ispirato a Mirra Alfassa, che nel 1926 fondò lo Sri Aurobindo Ashram di Auroville. La sua storia ci viene rivelata a poco a poco grazie alle ricerche condotte da Sophie nel disperato tentativo di riportare a casa l’uomo che nel frattempo ha sposato e dal quale ha avuto due figli.
Mentre Matteo si prosterna ai piedi della Madre accettando le regole rigide e manipolatorie che vigono nell’ashram, Sophie affronta un altro viaggio, che è anche un viaggio a ritroso nel tempo, sulle tracce della bambina-ragazza-donna che la Madre è stata prima di diventare un’icona, un affascinante oggetto di culto. Dall’Egitto dove è nata, a Parigi, a Venezia e New York, fino all’arrivo in India dove riconosce infine l’amore divino nella persona di Sri Aurobindo, il maestro dal quale si era sentita occultamente guidata.
È l’epoca di Madame Blavatsky, di Annie Besant, di Ruth St Denis, l’epoca in cui l’Occidente, indifferente alle imposizioni coloniali, guardava all’India come a una terra di vita spirituale, un luogo di meditazione e di pace di cui intanto si creavano in California le «succursali» di cui ci ha raccontato Christopher Isherwood. Una storia per molti versi dolorosa, che Anita Desai ricostruisce con la consueta sapienza stilistica, investigandone le origini psicologiche e i contorni fiabeschi.

Altri libri diAnita Desai