Giulio Einaudi editore

Polvere di Diamante

e altri racconti
Copertina del libro Polvere di Diamante di Anita Desai
Polvere di Diamante
e altri racconti
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Animati da presenze insieme estranee e familiari, i racconti di Anita Desai inquietano e riscaldano con ironia e attenzione per il dettaglio, fino a creare un senso di struggente intimità. Come ha scritto «The Times», queste storie scintillano con l'intensità dei «veri diamanti».

2003
Supercoralli
pp. 202
€ 16,50
ISBN 9788806149260

Il libro

Briciole di vita costituiscono lo spunto di ognuno di questi nove racconti di Anita Desai. Nove storie diverse, dislocate in luoghi diversi, India, Cornovaglia, Messico – il paese dove la scrittrice trascorre vari mesi all’anno e che più le ricorda l’India, per i colori e per la malinconica allegria dei suoi abitanti. Briciole di vita che segnano l’impalpabile confine tra vita esterna e vita interiore, dettagli che acquistano un imprevisto rilievo, ora bizzarro ora tragico, ora di quieta accettazione del mistero dell’esistenza. Così è Diamante, il cagnoletto nero protagonista del racconto che dà titolo alla raccolta, l’imprevisto che travolge la casa e la vita dell’uomo che lo accoglie. In ogni racconto il protagonista viene messo all’improvviso di fronte a se stesso da un fatto di cui è casualmente testimone e che apparentemente non lo riguarda, e tuttavia produce in lui un cambiamento, altera un equilibrio, scava nella coscienza facendo riaffiorare ricordi. C’è una sorta di intimità reiterata di racconto in racconto, per quanto le situazioni cambino, e cambino i contesti e i personaggi: è l’intimità di Anita Desai con il dettaglio rivelatore, quello che svela un muto indolenzimento interiore. A questi dettagli Desai presta la sua penna, qui felicissima, una penna che non graffia mai il foglio, ma ci si appoggia sopra con garbo. Accompagna piuttosto i personaggi nell’attraversamento del guado che il destino ha loro riservato, e non importa se il guado è una strada bianca e polverosa di una cittadina messicana dove riecheggiano i versi di Octavio Paz; o un treno indiano che insieme al protagonista trasporta la sua storia vera, quella che lui ancora non conosce; o un albergo di una località marina che tuttavia non s’affaccia sul mare. Ci sono tutti i temi cari a Desai, in questi racconti, le case come luogo di giochi e scherzi della memoria, paesaggi bellissimi e concreti, fragili sicurezze maschili, fantasmi femminili.

Altri libri diAnita Desai