Giulio Einaudi editore

Storia del mondo. Vol. 4

Verso il mondo moderno. 1750-1870
Storia del mondo. Vol. 4
Verso il mondo moderno. 1750-1870
indice
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Due tra i piú autorevoli storici a livello internazionale - Jürgen Osterhammel e Akira Iriye - coordinano un progetto editoriale di grande respiro: un'équipe d'eccezione ricostruisce la storia del nostro pianeta da un punto di vista globale, proponendone una panoramica mai cosí equilibrata, oggettiva e vasta. Il secondo volume a uscire - curato da Emily S. Rosenberg - è quello dedicato agli anni fra il 1870 e il 1945.

2017
pp. 1060
€ 110,00
ISBN 9788806234768
Autori vari

Il libro

Piano dell’opera:

1. Le prime civiltà. Il mondo prima del 600 a cura di Hans-Joachim Gehrke
2. Le sfide dell’agricoltura e del nomadismo. 600-1350 a cura di Emily S. Rosenberg
3. Imperi e oceani. 1350-1750 a cura di Wolfgang Reinhard
4. Verso il mondo moderno. 1750-1870 a cura di Sebastian Conrad e Jürgen Osterhammel
5. I mercati e le guerre mondiali. 1870-1945 a cura di Emily S. Rosenberg
6. Il mondo globalizzato. Dal 1945 a oggi a cura di Akira Iriye

***


Verso il mondo moderno è il titolo scelto per questo volume; qui
ci proponiamo di illustrare e discutere un’epoca che piú di ogni altra
è stata intesa, fino a oggi, come un periodo di rottura e transizione.
Molti suoi contemporanei, in diverse parti del mondo, ebbero già l’impressione
che la vita stesse mutando a un ritmo piú veloce rispetto a
prima, e che davanti ai loro occhi stesse sorgendo qualcosa di nuovo,
mentre l’antico veniva screditato. Questa volta, le rivoluzioni non
volgevano la ruota della storia in un eterno ritorno, ma additavano un
futuro incerto. La fabbrica e la ferrovia non erano mode passeggere,
ma realtà materiali per nulla destinate a scomparire.

Dall’Introduzione di Sebastian Conrad e Jurgen Osterhammel


***


Da sempre la storia del mondo è stata scritta come una storia di ascesa e declino di un esiguo numero di culture dominanti. Fra queste, nel corso degli ultimi secoli, e facendo riferimento a parametri quali potenza, ricchezza e creatività culturale, l’Europa e l’Occidente atlantico hanno ricoperto un ruolo indubbiamente centrale. Questa nuova Storia del mondo in sei volumi, diretta da un’équipe di importanti storici internazionali, si discosta radicalmente da tale tradizione. Pur non rinnegando le grandi conquiste dell’Occidente, essa le pone in rapporto con i piú importanti sviluppi che hanno avuto luogo nella stessa epoca in altre parti del mondo. Da tale impostazione emerge con ogni evidenza la graduale, problematica nascita dell’età contemporanea come frutto di una complessa e pluralistica rete di relazioni mondiali. Per la prima volta autorevoli specialisti dei vari campi disciplinari mettono a disposizione del lettore i risultati di decenni di ricerca internazionale sulla preistoria della globalizzazione, sullo sviluppo delle società e sugli ordinamenti politici dei vari continenti. La storia del mondo che ne emerge, lungi dal risultare una mera concatenazione di singole storie specialistiche, ricostruisce piuttosto relazioni trasversali e interazioni finora poco esplorate dagli studiosi: le migrazioni di singoli e di gruppi e la fondazione di nuove società, la diffusione intercontinentale delle tecnologie, religioni o idee politiche, le reti di connessione globale, i flussi commerciali e i modelli di consumo, l’imperialismo, il colonialismo, le grandi guerre.

Akira Iriye e Jürgen Osterhammel

Altri libri degli autori
Altri libri diStoria moderna