Giulio Einaudi editore

La civiltà dello spettacolo

La civiltà dello spettacolo
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

«La cultura, nel senso attribuito per tradizione a questo vocabolo, è sul punto di scomparire». Da Mario Vargas Llosa la radiografia durissima di una cultura sacrificata in nome della ricerca del piacere e dell'intrattenimento. Il ritratto di un tempo destinato alla decadenza, «se non avremo la forza di contrastarne i segni».

2013
Passaggi Einaudi
pp. 192
€ 17,00
ISBN 9788806216283
Traduzione di

Il libro

La banalizzazione dell’arte e della letteratura, il successo del giornalismo scandalistico e la frivolezza della politica sono i sintomi di un male maggiore che ha colpito la società contemporanea: l’idea temeraria di convertire in bene supremo la nostra naturale propensione al divertimento. In passato, la cultura era stata una specie di coscienza che impediva di ignorare la realtà. Ora, invece, agisce come meccanismo di intrattenimento, persino di distrazione. Inoltre, gli intellettuali sono scomparsi e anche se alcuni di loro firmano sporadici manifesti e prendono posizione su eventi e persone, di fatto non esiste più un vero e proprio dibattito.
Mario Vargas Llosa riflette, in questo libro, sulla metamorfosi che la cultura ha subito in questi anni, nell’inquietante remissività generale, e invita gli scrittori «a coniugare la comunicazione col rigore, l’originalità e l’impegno creativo, per costruire nuove forme d’arte» e poter salvare, così, la cultura.

Altri libri diMedia