Giulio Einaudi editore

L’economia giusta

L’economia giusta
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

«Dovremo adattarci ad avere meno risorse. Meno soldi in tasca. Essere piú poveri. Ecco la parola maledetta: povertà. Ma dovremo farci l'abitudine. Se il mondo occidentale andrà piú piano, anche tutti noi dovremo rallentare.
Proviamoci, con un po' di storia alle spalle, con un po' d'intelligenza e d'umanità davanti».

Edmondo Berselli, L'economia giusta

***

Dopo l'imbroglio liberista, il ritorno di un mercato orientato alla società. Una via cristiana per uscire dalla grande crisi.

2012
ET Saggi
pp. XII - 104
€ 7,00
ISBN 9788806211363
Prefazione a cura di

Il libro

«Edmondo Berselli se n’è andato. Ma, prima di lasciarci, ha scritto questo saggio, denso e veloce al tempo stesso. È dedicato alla ricerca di nuove vie verso “l’economia giusta”, in tempi di crisi globale, dopo la fine della “superstizione monetarista”. L’autore ripercorre criticamente i contributi teorici, le esperienze politiche e di governo piú significative, dall’Ottocento fino a oggi. Scivola, con agilità, fra il marxismo e la dottrina sociale della Chiesa, il pensiero liberale e il socialismo, la socialdemocrazia e il neo-liberismo. Ai confini tra economia, sociologia, filosofia e storia. Un approccio ibrido, come il linguaggio – diretto e suggestivo. Inconfondibile. La conclusione è disincantata. Finita, rovinosamente, l’era del “pensiero unico monetarista”, siamo rimasti senza risposte. Perché le alternative hanno già fallito. Non riescono a essere credibili. Cosí, molto semplicemente, dovremo abituarci “ad avere meno risorse. Meno soldi in tasca. Essere piú poveri”. Berselli lascia cadere questo ammonimento nelle ultime righe. Quasi un invito a non dimenticare. Noi, certamente, non ci dimenticheremo di lui».

Ilvo Diamanti

Altri libri diEconomia