Giulio Einaudi editore

Poesie. II: 1934-1956

Copertina del libro Poesie. II: 1934-1956 di Bertolt Brecht
Poesie. II: 1934-1956
indice
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Con questo volume si conclude la pubblicazione di tutte le poesie brechtiane intrapresa nella Pléiade, basandosi sull'edizione tedesca delle opere complete dello scrittore, e dando così sistemazione definitiva a un ricco materiale poetico diviso in varie raccolte o rimasto inedito.

2005
Biblioteca della Pléiade
pp. XC - 1880
€ 90,00
ISBN 9788844600785
A cura di

Il libro

«La forza della poesia di Brecht sta forse proprio in ciò che Adorno gli rimproverava: l’aver sacrificato l’autonomia dell’arte. Non perché banalmente al servizio della politica, ma in quanto inscindibile dalle vicende umane, dalle grandi catastrofi del Novecento. […] Nella sua poesia vita ed esperienza filtrano attraverso la citazione: come plagio, adattamento di forme e generi classici, gioco e trastullo retorici. Brecht è stato un grande sperimentatore e ha dominato, alla pari di W. H. Auden, come ricordò Hannah Arendt, un po’ tutte le forme poetiche. Un postmoderno la cui fantasia creativa si è nutrita di tradizione. Rifacendola, ironizzandola, distanziandosi da essa per prender posto nel proprio tempo. Esaltava il cattivo Nuovo, ma solo perché conosceva perfettamente il buon Antico: come strumento per guardare al futuro. Leggeva Orazio e Lucrezio, ma non dimenticava la lotta per la democrazia e i bisogni dei piú deboli. Insegnava la gentilezza in un mondo rapace e barbaro: non aveva rinunciato alla speranza né alla mutabilità delle cose. Senza ingenuità e senza arroganza, ma con il gesto leggero e ironico del maestro, che suggeriva: “Non ho bisogno di una lapide sulla tomba | ma, se voi ne avete bisogno, | vorrei ci fosse scritto: | ha fatto proposte. Noi | le abbiamo approvate. | Una simile iscrizione | onorerebbe tutti quanti».

Luigi Forte

Altri libri diPoesia