Giulio Einaudi editore

Venerdí o il limbo del Pacifico

Venerdí o il limbo del Pacifico
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

«Tournier fonde con maestria un sistema di simboli e miti in una appassionante avventura in cui non vengono mai meno gli elementi di suspense, di esotismo, di ignoto».

Italo Calvino

2010
Letture Einaudi
pp. XVIII - 272
€ 19,00
ISBN 9788806201654
Traduzione di
Prefazione a cura di

Il libro

Il remake di un classico, divenuto a sua volta un classico. La storia di Robinson Crusoe è ribaltata: sarà Venerdì a fare a Robinson da maestro sull’ambigua strada della ricerca dell’innocenza perduta. Come scrive Giuseppe Montesano nella prefazione, «Venerdì o il limbo del Pacifico è un trattatello filosofico non fissato in concetti astratti ma espresso attraverso personaggi vivi; un labirintico caso clinico di Freud in cui la rivelazione non sta più nella pretesa di verità scientifica, ma nell’abbandono all’ambigua verità romanzesca».

«Per due anni avevo seguito i corsi di Claude Lévi-Strauss al Musée de l’Homme e nello stesso periodo il caso ha voluto che il Robinson Crusoe di Defoe, che all’epoca era un libro introvabile, riapparisse in un’edizione tascabile. Io lo lessi nello spirito di quanto avevo imparato al Musée de l’Homme sull’etnografia, il linguaggio, le nozioni di selvaggio e civilizzato. E mi sono detto: ecco il soggetto. Bisogna fare un nuovo Robinson Crusoe che tenga conto delle acquisizioni dell’etnografia. (…) Nel romanzo di Defoe, Venerdì è ridotto a niente. È un semplice ricettacolo. La verità esce dalla bocca di Robinson perché lui è bianco, occidentale, inglese e cristiano. Il mio proposito era di fare un romanzo in cui Venerdì avrebbe giocato un ruolo importante: in definitiva, il ruolo principale. E dunque il romanzo non si sarebbe chiamato Robinson ma Venerdì».

da un’intervista di Michel Tournier al «Magazine Littéraire» (2006)

Altri libri diNarrativa francese