Giulio Einaudi editore

Hazard e Fissile

Hazard e Fissile
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Piovre addomesticate (per l'esattezza diciassette piovre del golfo di Guinea), pugili negri feroci e assassini (ma con l'accento alsaziano), donne nude e mascherate, anguste caverne che sbucano nei sotterranei dell'Eliseo, clown malinconici e detective improvvisati. Eroi senza macchia e senza cervello.
E poi ancora rocamboleschi inseguimenti in auto, travestimenti, omicidi e agnizioni...
Tutti gli ingredienti del feuilleton e dei romanzi di Fantomas riflessi negli specchi deformanti del surrealismo e scomposti in un fantasmagorico caleidoscopio di giochi di parole.
Dove si diverte il linguaggio come un topo nel formaggio.

2013
eBook
pp. 72
€ 6,99
ISBN 9788858411155
Traduzione di

Il libro

Raymond Queneau fa parte del gruppo surrealista parigino dal 1924 al 1929. Tra le molte passioni che condivide con André Breton e i suoi amici, ci sono i romanzi di Fantomas e certo anche la magistrale versione cinematografica realizzata da Louis Feuillade. Queneau si appassionerà a tal punto all’eroe nero creato da Jean Souvestre e Marcel Allain da accarezzare il progetto di scriverne una biografia. Il libro non vedrà mai la luce, ma l’autore degli Esercizi di stile non resisterà alla tentazione di giocare, nel suo inimitabile modo, con gli ingredienti del feuilleton: ecco dunque Hazard e Fissile, il primo esperimento narrativo di Raymond Queneau, ritrovato pochi anni fa tra le carte dello scrittore e finora assolutamente inedito.
Questo romanzo è un’esilarante parodia e una distorsione delle peripezie classiche del romanzo d’appendice: ci sono vilains dai nomi improbabili e dai modi bizzarri, ci sono donne nude e mascherate, pistole che scompaiono, eroi ed eroine senza macchia e senza cervello: e ci sono anche clown malinconici, omicidi, inseguimenti e agnizioni. E soprattutto c’è già tutto Raymond Queneau: gli esperimenti metaletterari, gli sberleffi al lettore, le visioni care all’immaginario surrealista, quasi provenissero dai dipinti di Delvaux o di Dalì (diciassette piovre addomesticate!); e ancora, un colpo di scena ad ogni pagina, una sorpresa ad ogni paragrafo.
I giochi di parole, che hanno travolto il traduttore, delizieranno i lettori; e chi ha amato Zazie nel metró, I fiori blu e gli Esercizi di stile non faticherà a ritrovare in questo breve testo incompiuto il primo incunabolo di quei capolavori.

Altri libri diRaymond Queneau
Altri libri diNarrativa francese