Giulio Einaudi editore

Ultimo confine del mondo

Viaggio nella Terra del Fuoco
Ultimo confine del mondo
Viaggio nella Terra del Fuoco
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Il viaggio più bello è forse quello che conduce al confine ultimo delle cose perché è proprio lì che inizia l'incanto e il cammino si fa conoscenza.
Nelle terre dell'ultimo confine del mondo Lucas Bridges ha incontrato popolazioni altre e sorprendenti, uomini cercatori ed esseri in fuga, folli, gauchos e scienziati. Ha vissuto comunioni inattese e solitudini senza fondo. Avventure straordinarie in una natura vergine e mobile. Ha passeggiato ai piedi di montagne impervie e di ghiacciai di una bellezza sconvolgente. E ha trovato, infine, il senso del continente più sconosciuto che è l'uomo.

2009
Frontiere
pp. XX - 610
€ 24,00
ISBN 9788806197582
Traduzione di

Il libro

Ushuaia, ultimo confine del mondo. Il 27 settembre 1871, nel tardo pomeriggio, un uomo e una donna di circa vent’anni escono sul ponte della nave e si fermano immobili, uno accanto all’altra, a scrutare l’orizzonte. Quella che guardano è la loro nuova terra e futura dimora. Intanto, sotto coperta, dorme pacificamente la figlioletta di nove mesi. Da tempo hanno lasciato l’Inghilterra e tra ondate gigantesche e stridore di pennoni, sono approdati in una regione desolata e selvaggia in cui vivono tribù senza legge, senza regole e senza dio. La Terra del Fuoco è ancora tutta dei fuegini. Appartiene alle loro usanze e credenze, alla loro intelligenza e ingenuità. Con il compito di portare il cristianesimo, Thomas e Mary Bridges vivono insieme alle popolazioni indigene, fianco a fianco. Con loro creano accampamenti e fattorie, costruiscono case in legno e lamiera smontabili pezzo a pezzo, tracciano le prime strade e allevano animali. Lì nascono e crescono i figli, tra cui Lucas autore di questo libro scritto nel 1947 che racconta la storia dei Bridges. Dalla fine dell’Ottocento alla metà del secolo successivo, la vita della famiglia Bridges incrocia e accompagna la trasformazione e il viaggio della Terra del Fuoco, una terra mutevole e affascinante, tanto reale da sembrare finta. Uno scenario naturalmente perfetto per qualsiasi libro di avventura. Primavera dopo primavera, l’insediamento dei Bridges è attraversato dai personaggi più diversi: intere famiglie di indigeni, scaltri uomini di medicina, avventurieri privi di scrupoli, cercatori d’oro, scienziati, botanici. Ex galeotti, diventati gauchos, capaci di rovesciare a terra una mucca di qualche quintale senza alcuno sforzo, marinai zoppi o guerci ma che in realtà ci vedono benissimo. Tutti uomini in cerca di fortuna o in fuga da qualcosa. Personaggi ricchi di storie, fortemente romanzeschi nella loro spericolata e concretissima realtà. Nessuno di questi uomini sfugge alla curiosa abilità di narratore del giovane Lucas. E nulla resta nella sua penna. Gli episodi sono centinaia, e l’autore passa dall’uno all’altro sospinto da una memoria prodigiosa e da una passione profonda per luoghi, tempi e persone che non ci sono più ma che in queste pagine riprendono vita sotto ai nostri occhi. Quasi palpabili. Non è un caso che proprio la lettura di Ultimo confine del mondo abbia ispirato il viaggio di Bruce Chatwin e la scrittura del suo celebre In Patagonia. Questo è infatti un libro che aderisce con forza alla pelle del lettore e spinge – irresistibilmente – a ripercorrerne le tracce e i sentieri.