Giulio Einaudi editore

La sposa liberata

Copertina del libro La sposa liberata di Abraham B. Yehoshua
La sposa liberata
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Dopo appena un anno di matrimonio Galia ha ripudiato il marito Ofer. Che segreto inconfessabile si nasconde dietro il loro divorzio? Yohanan Rivlin, padre di Ofer, non si è mai rassegnato all'infelicità del figlio, ed è deciso a scoprire la verità a qualunque costo.
Ancora una volta Yehoshua ci guida fino al cuore pulsante di una famiglia, e da grande chirurgo dell'anima ne scopre le colpe, i desideri e i sentimenti profondi.

2002
Supercoralli
pp. 595
€ 19,00
ISBN 9788806163709
Traduzione di

Il libro

Un matrimonio può finire per molti motivi, ma Yohanan Rivlin, professore di storia mediorientale a Haifa, è convinto che a causare il divorzio del figlio Ofer sia stato un segreto nascosto. Da quando la moglie, Galia, lo ha ripudiato, sono passati cinque anni e Ofer non ha ancora superato il trauma. Cosa lo tiene incatenato a lei, cosa genera tanta sofferenza?
Ignorando la calma e la razionalità della moglie Haghit, giudice distrettuale, Rivlin si macera nell’ansia, incapace di sopportare l’infelicità del figlio. E quando scopre che il padre di Galia è morto improvvisamente, ne approfitta per riannodare i legami con la famiglia dell’ex nuora. Iniziano così le sue visite, e le sue indagini, nell’albergo di proprietà del defunto, a Gerusalemme, dove l’altra figlia, Tehila, comanda adesso con piglio manageriale. Visite e indagini di cui Haghit e Ofer non devono sapere nulla.
Ma il professore ebreo non riuscirà a risolvere il mistero da solo, e gli arabi, temuti e amati, arriveranno ad aiutarlo. Oggetto dei suoi studi, gli arabi assumono per Rivlin la funzione di catalizzatori: accelerano gli eventi. Così Rashed, il messaggero-autista, e Fuad, il capocameriere-poeta, s’incaricano di rendere giustizia al povero Ofer, che né la Storia né il Diritto, né Rivlin né Haghit, possono aiutare.
Ambientato tra il 1998 e il 1999, quando ancora erano vive le speranze di pace, e l’Autonomia palestinese compiva i primi passi in Cisgiordania, La sposa liberata è un’allegoria potente del destino di due popoli sempre in guerra, e conferma ancora una volta la maestria narrativa e poetica di Abraham Yehoshua, ponendolo tra i maggiori scrittori della letteratura mondiale.

Altri libri diAltre narrative