Giulio Einaudi editore

Diciotto secondi prima dell’alba

Diciotto secondi prima dell’alba
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

«Lei era lì sul marciapiede ad aspettare me: troppo fuori mano per un incontro casuale, troppo vicino a casa mia, troppo bionda, troppo bella, troppo straniera perché non fosse niente».

Cinquanta scalini separano la casa di Edoardo Gregotti dallo studio in cui lavora. Marta lo ama. La sua famiglia l'ha sempre supportato. Forse è per questo che lui non ha mai dovuto scegliere: nei momenti difficili c'è sempre stato qualcuno che l'ha fatto al posto suo.
La sera in cui incontra Ksenja non sa ancora quale dramma gli sta scoppiando tra le mani, non sa che sta per mandare all'aria tutto quello che la vita gli ha regalato, per conquistarsi - quasi suo malgrado - qualcosa che finalmente gli appartiene.
Un romanzo intenso, sottile e spietato: il ritratto di una generazione che prima o poi sarà costretta a crescere.

2010
eBook
pp. 200
€ 7,99
ISBN 9788858403846

Il libro

A Edoardo Gregotti la vita non costa fatica. Ha trent’anni, un bell’aspetto, ed è appena diventato avvocato, anche se in fondo non gliene importa poi molto. Il mondo accogliente che lo circonda gli basta per non farsi troppe domande: ama Marta, che «vede quello che gli altri non vedono, la rotta che c’è dentro di lui», suo padre è uno dei soci dello studio in cui lavora, il collega Mauro è un buon amico. Le sere nei locali sono un’abitudine, come la musica del suo iPod e i saluti notturni su Facebook prima di prendere sonno.
Edoardo ha imparato a riempire lo spazio e il tempo come se a guidarlo per le strade di Milano ci fosse un pilota automatico, ma quando incontra Ksenja – che adora passeggiare nel parco e la sera si esibisce nei locali «stringendosi al violoncello come se volesse aggrapparsi» – niente gli sembra più naturale che passare la notte con lei. È una storia qualsiasi, clandestina e casuale, che metterà sottosopra le certezze di Edo. Lo attende un risveglio tragico, un viaggio che lo porterà fino a Novgorod, sulle tracce di un destino che – anche se non lo riguarda – stava aspettando proprio lui.
Giorgio Scianna costruisce un meccanismo narrativo di forte tensione: una storia fatta di direzioni stabilite e scarti imprevisti, dove i continui ribaltamenti di prospettiva – anche i più drammatici – si trasformano in un’occasione per conoscere se stessi. I giovani personaggi di questo romanzo si comportano come se «il mondo potesse bussare ed entrare da un momento all’altro»: hanno a disposizione tutte le carte che la vita può offrire – l’amicizia e il tradimento, l’amore e la morte – e stanno per scoprire che scegliere significa sempre dover anche rinunciare.

Altri libri diGiorgio Scianna