Giulio Einaudi editore

Il cuore è una seppia che spruzza nel corpo il suo spavento. Le palpebre inseriscono nello sguardo il fotogramma nero della morte.
L'ombelico è un misuratore di capezzoli.
I nervi sono fulmini che folgorano le membra, le idee sono fantasmi che le ghermiscono.

2011
ET Scrittori
pp. 146
€ 9,50
ISBN 9788806206604

Il libro

Questo libro contiene piú di cinquecento aforismi. È diviso in cinquanta brevi capitoli: ciascuno è dedicato a una parte del corpo, scelta fra quelle che nominiamo piú comunemente nella nostra esperienza di esseri viventi: gli occhi, le mani, la pelle, il cuore… Lo stupore di essere corpo ispira pensieri sorprendenti, illuminazioni, brevi apologhi.
Tiziano Scarpa si sbalordisce di avere polsi, ginocchia, orecchie, capezzoli. Scopre l’universo a partire dall’ombelico; attraversa il suo corpo come un esploratore incantato. La fantasia, l’umorismo e la consapevolezza della morte sono le vitamine di questa scrittura.
Corpo appartiene alla genealogia secolare delle descrizioni appassionate, che traboccano volentieri nell’immaginazione un po’ folle: i Blasons du corps féminin, la poesia barocca, le Storie naturali di Jules Renard, le greguerías di Ramón Gómez de la Serna, Il partito preso delle cose di Francis Ponge, le Storie di cronopios e di famas di Julio Cortázar, Le città invisibili di Italo Calvino.

Altri libri diTiziano Scarpa