Giulio Einaudi editore

Bíos

Biopolitica e filosofia
Copertina del libro Bíos di Roberto Esposito
Bíos
Biopolitica e filosofia
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

In un ampio scenario analitico Hobbes e Spinoza, Heidegger e Arendt, Nietzsche e Deleuze costituiscono alcuni dei grandi riferimenti attraverso i quali l'autore si confronta in maniera intensa ed originale con una delle questioni decisive del nostro tempo.

2004
Biblioteca Einaudi
pp. XVIII - 234
€ 22,00
ISBN 9788806171742

Il libro

Da qualche tempo nessuno dei grandi eventi che scuotono il mondo è piú interpretabile fuori della categoria di biopolitica: dovunque si volga lo sguardo, la questione del bíos appare al centro di tutte le traiettorie politicamente significative. E tuttavia, a tale straordinario rilievo non corrisponde una adeguata chiarezza sul significato del concetto. Esso sembra percorso da un’incertezza di fondo, da un’inquietudine semantica, che lo espone a letture diverse e contrastanti. Ciò che, in tale contrasto, resta irrisolta è la domanda posta per la prima volta da Michel Foucault: come mai la relazione sempre piú diretta della politica con la vita rischia di produrre un esito di morte? Cosa spinge irresistibilmente la politica della vita a ridosso del suo contrario? Roberto Esposito cerca una risposta a questo interrogativo non soltanto nella genesi moderna della biopolitica – indagata per la prima volta in tutte le sue scansioni ed antinomie – ma anche nel suo estremo rovesciamento tanatopolitico nell’esperienza nazista. Contrariamente alla sostanziale rimozione operata dalla filosofia contemporanea, in questo libro si affaccia l’ipotesi altamente problematica che solo un confronto radicale con i dispositivi mortiferi del nazismo possa fornire le chiavi concettuali per penetrare l’enigma della biopolitica e tentarne una riconversione finalmente affermativa. Ma cosa vuol dire, propriamente, pensare nel rovescio del biopotere nazista? E come sciogliere il nodo che stringe vita e politica in una forma distruttiva di entrambe, senza smarrire la loro implicazione reciproca?

Altri libri diRoberto Esposito