Giulio Einaudi editore

La Città vivente

La Città vivente
estratto
indice
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Sul tema della città dell'avvenire, Wright ha lavorato per un quarto di secolo, nel modo che gli era tipico e che accentuava quando gli argomenti gli stavano particolarmente a cuore: un modo soggettivo, partigiano, intriso di egotismo. E, per questo, ancora piú affascinante, perché mescola all'utopia una buona dose di pragmatismo, alla fantasia progettuale una ricca e meditata capacità di riflessione.

Con un saggio di Bruno Zevi.
La prefazione di Jean-Louis Cohen è tradotta da Angelica Taglia.

2013
Piccola Biblioteca Einaudi Ns
pp. XXXIII - 271
€ 25,00
ISBN 9788806211028
Contributi di
Prefazione a cura di

Il libro

Se è vero, come il grande architetto ritiene, che il disordine sociale ed economico del nostro tempo sia conseguenza inevitabile dell’eccessivo accentramento, si tratterà di valorizzare in concreto l’indipendenza e il rispetto individuali, la coscienza della natura e del suo utilizzo, insieme a una piú intensa percezione della bellezza. A lungo sentito come un «manifesto» per la libertà e la dignità dell’uomo, e considerato, come avviene per ogni bandiera, anche come utopistico, il messaggio di Wright si è dimostrato estremamente concreto e puntuale per chi si sia posto il problema dell’urbanistica contemporanea in termini non astratti. I piani di Wright per la «Città vivente», qui dettagliati con una sorprendente varietà di fotografie, disegni originali, schizzi e planimetrie, includono ogni attività (scuola e teatro, arterie stradali, stadi sportivi, edifici agricoli).

Altri libri diArchitettura