Giulio Einaudi editore

Storia della guerra fredda

L'ultimo conflitto per l'Europa
Storia della guerra fredda
L'ultimo conflitto per l'Europa
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

A un ventennio dalla sua conclusione, la storia del lungo, angoscioso «conflitto in latenza» che tenne in sospeso i destini dell'occidente e dell'oriente.

2009
Einaudi Storia
pp. X - 366
€ 32,00
ISBN 9788806188290

Il libro

Ormai sono passati vent’anni da quel breve autunno di esaltazione e stupore in cui, con spettacolare e apparente repentinità, i sistemi comunisti dell’Europa dell’Est crollarono fra la polvere e i calcinacci del Muro di Berlino. Gorbacëv aveva rinunciato a usare la forza per arginare la crisi storica del comunismo e i popoli dell’Est si liberavano di regimi tanto invisi quanto ormai incapaci di sopravvivere senza e contro l’Occidente. L’impero sovietico costruito da Stalin non c’era piú. Con esso svaniva la divisione dell’Europa in due blocchi contrapposti. Il progetto comunista di un’alternativa radicale al capitalismo occidentale aveva finito per rovesciarsi nel suo opposto. Un Occidente enormemente piú efficiente e creativo aveva dispiegato una ben maggiore forza di innovazione e attrazione globale, rinchiudendo il colosso del socialismo sovietico in uno spazio angusto senza futuro. Ma quale fu il lungo percorso che portò a questo esito? E quale la genesi del conflitto che ha disegnato i lineamenti del mondo contemporaneo? Oggi è finalmente possibile rispondere a queste domande con la documentazione dei protagonisti e il distacco dello storico.

Nessuno voleva una guerra fredda, nessuno l’aveva pianificata e nessuno dei protagonisti l’aveva davvero prevista, per lo meno nelle forme rigide che poi assunse. Ciò che si andava delineando nei mesi conclusivi della Seconda guerra mondiale era un’inedita geografia di potenza in cui Stati Uniti e Unione Sovietica primeggiavano… Gli assunti ideologici e i paradigmi culturali dei protagonisti ebbero un ruolo determinante: additavano la direzione in cui ciascuno intendeva procedere, ed erano le lenti attraverso cui si giudicavano le mosse altrui, si tentava di indovinare le possibili concatenazioni di eventi futuri, si soppesavano i pericoli evidenti o potenziali. L’URSS di Stalin non poteva concepire la coesistenza internazionale se non in chiave intrinsecamente conflittuale. Il governo degli Stati Uniti, insieme a larga parte delle élite europee, si convinse che una ferma contrapposizione ai sovietici fosse la via piú efficace, e meno pericolosa, per promuovere interessi, ideali e identità di una coalizione occidentale che prese a definirsi come «mondo libero». Fu allora che la guerra fredda prese forma.

Altri libri diPolitica