Giulio Einaudi editore

Mezzanotte a Istanbul

Dal crollo dell'impero alla nascita della Turchia moderna
Mezzanotte a Istanbul
Dal crollo dell'impero alla nascita della Turchia moderna
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Istanbul dagli anni Venti alla fine della Seconda guerra mondiale. Il ritratto di una città cosmopolita al tramonto dell'impero ottomano, in cerca di una nuova identità.

2015
La Biblioteca
pp. 424
€ 32,00
ISBN 9788806223083
Traduzione di

Il libro

A mezzanotte del 31 dicembre 1925, i cittadini della neonata Repubblica turca celebrarono il nuovo anno, acconsentendo per la prima volta a utilizzare un calendario e un’ora unificata per tutto il paese. Eppure a Istanbul, antico crocevia tra Oriente e Occidente, la gente guardava incerta al futuro. Mai del tutto turca, Istanbul era da sempre stata casa per generazioni di greci, armeni ed ebrei, oltre che naturalmente musulmani. L’immensa metropoli accoglieva nobili della Russia bianca in fuga dalla rivoluzione, killer bolscevichi sulle tracce di Lev Trockij, professori tedeschi, diplomatici inglesi e imprenditori americani: una panoplia di faccendieri, poeti, benefattori e perdigiorno. Durante la Seconda guerra mondiale, migliaia di ebrei fuggivano attraverso Istanbul verso la Palestina, anche grazie all’impegno del futuro papa Giovanni XXIII. Nella hall del Pera Palace, l’hotel piú lussuoso dell’epoca, punto d’arrivo del celebre Orient Express, si aggiravano cosí tante spie che il direttore fu costretto ad apporre un cartello che le invitava a lasciare il posto agli ospiti paganti. Nella sua prosa elegante e suggestiva, questo libro ridà vita a un’epoca tragica e fantastica in cui l’antica capitale dell’impero ottomano si ritrovò nel giro di pochi anni sbalzata dal Medioevo al mondo moderno.

***

«Attuale, splendido, avvincente e superbamente documentato».
Jason Goodwin, «The New York Times»

Altri libri diCharles King
Altri libri diStoria contemporanea