Giulio Einaudi editore

Hitch 22

Le mie memorie
Hitch 22
Le mie memorie
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

«L'irruzione della morte nella mia vita mi ha consentito di esprimere un po' piú concretamente il disprezzo che provo per la falsa consolazione della religione e la fede che invece ho nella centralità della scienza e della ragione».

Christopher Hitchens, Hitch 22

2012
Stile Libero Extra
pp. X - 568
€ 21,00
ISBN 9788806195618
Traduzione di

Il libro

Le memorie pubbliche e private di uno dei piú grandi intellettuali a cavallo tra due millenni. Le battaglie, le provocazioni, le cause perse, le invettive di un «bastian contrario» la cui autobiografia è la storia di mezzo secolo di Storia.

Questo libro è l’occasione per ripercorrere, in una galoppata affascinante, alcuni dei capitoli piú intensi e decisivi della storia contemporanea, partendo dalle proteste degli anni Sessanta e Settanta, passando per la caduta del muro di Berlino e il crollo delle ideologie, per approdare agli scenari successivi all’11 settembre, quando Hitchens attaccò i terroristi islamici. Nemico giurato di ogni fondamentalismo religioso, Hitchens ha attraversato gli ultimi quarant’anni di storia delle idee a passo di carica, disseminando il suo percorso di critiche feroci a tutti gli ismi sopravvissuti all’èra delle ideologie, ma anche di saggi illuminanti sul rapporto tra potere e religione, e sull’importanza fondamentale della critica e del dissenso. In questo monumentale memoir, che si affianca alle piú celebri e classiche autobiografie anglosassoni, Hitchens si scopre non solo saggista, ma anche narratore di razza. Tra aneddoti e ritratti al vetriolo di celebri personalità del mondo politico e culturale, da Henry Kissinger a Madre Teresa, da Martin Amis a Noam Chomsky, l’autore riversa in questo libro una quantità di materiali, idee, storie personali e collettive che si incontra, forse, soltanto nei grandi romanzieri dell’Ottocento.

***

«La miracolosa fluidità della sua prosa non lo abbandonava mai, il suo impegno era appassionato. È rimasto sempre fedele al suo mestiere. Uno scrittore consumato, un amico brillante. Come nella celebre frase di Walter Pater, arso “in quella dura fiamma, simile a una gemma”. Fino alla fine».

Ian McEwan

***

«Addio, amico carissimo. Una grande voce si spegne. Un grande cuore si ferma».

Salman Rushdie

Altri libri diChristopher Hitchens
Altri libri diStoria contemporanea