Giulio Einaudi editore

Cecenia, anno III

Cecenia, anno III
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Il racconto dei giorni trascorsi dall'autore delle Benevole tra il Caucaso e Mosca traccia un quadro obiettivo della Cecenia di Ramzan Kadyrov - l'uomo forte voluto da Putin - e ci offre un'immagine assai diversa da quella ufficiale.
Un viaggio al termine della notte, spaventoso e lucido, in un paese in cui la corruzione, l'islamizzazione forzata e l'omicidio mirato sono l'orizzonte di un quotidiano terrore.

2010
Frontiere
pp. 120
€ 18,00
ISBN 9788806203962
Traduzione di

Il libro

«La Cecenia è come il 1937, il 1938, – mi dichiara nel suo piccolo ufficio moscovita un dirigente di Memorial -. Si sta portando a termine un grande piano edilizio, si assegnano alloggi, ci sono parchi dove giocano i bambini, spettacoli, concerti, tutto sembra normale e… di notte la gente scompare».

Una mattina di settembre, poco dopo aver concluso la prima stesura di questo libro, Jonathan Littell riceve una mail: Natal’ja Estemirova, una delle principali attiviste per i diritti umani a Groznyi, è stata sequestrata.
La Estemirova è nota in tutto il mondo per le sue inchieste sui casi di sparizioni, torture ed esecuzioni extragiudiziarie che ogni giorno contribuiscono a mantenere la Cecenia in un clima di costante terrore. La sua visibilità, così si credeva, l’avrebbe tenuta al sicuro: la stessa cosa si diceva anche della sua amica Anna Politkovskaja. La sera di quello stesso giorno il cadavere di Natal’ja viene rinvenuto in un bosco alla frontiera con l’Inguscezia, crivellato di colpi.
La notizia getta una nuova luce sulle due settimane trascorse nel Caucaso da Littell, costringendolo di fatto a riscrivere il reportage del suo soggiorno alla corte del presidente Ramzan Kadyrov nell’anno terzo del suo governo.
Littell è già stato in Cecenia, durante le due guerre, in missione per alcune organizzazioni umanitarie e ha sempre mantenuto stretti contatti con il paese: ricorda bene, pertanto, i giorni in cui la vita di un ceceno non valeva un copeco. Così, se all’inizio pensava di porre l’accento sul ritorno, difficile ma percepibile, alla normalità, l’assassinio della Estemirova lo mette di fronte all’illusorietà di tale pacificazione.
La «cecenizzazione», cioè la decisione presa da Vladimir Putin nel 2002 di insediare nel paese un forte potere filorusso, composto principalmente da ex separatisti, nell’indagine di Littell si svela essere il nome presentabile di un sistema che ha fatto della corruzione più sfrenata, dell’islamizzazione a oltranza, della cooptazione forzata dei ribelli, della tortura e dell’omicidio, gli strumenti quotidiani per il controllo del territorio.

Altri libri diJonathan Littell
Altri libri diStoria contemporanea