Giulio Einaudi editore

Il nostro male viene da più lontano

Pensare i massacri del 13 novembre
Il nostro male viene da più lontano
Pensare i massacri del 13 novembre
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

I recenti massacri sono uno dei numerosi sintomi di una grave malattia del mondo contemporaneo nel suo insieme. Pensare le radici di questa malattia è il modo migliore per comprenderli, senza cedere a scelte irrazionali.

2016
eBook
pp. 96
€ 7,99
ISBN 9788858423332
Traduzione di

Il libro

Come riflettere sulle stragi compiute a Parigi il 13 novembre 2015? Chi sono gli agenti di questo crimine di massa? E come possiamo qualificare la loro azione? È necessario allargare lo sguardo. Alain Badiou cerca qui di delineare il quadro generale su cui si staglia questo tipo di attentati. In Occidente ha trionfato il liberismo e la classe media, sempre piú impoverita, vive divisa tra l’orgoglio del proprio modello di società e la paura costante dell’arrivo dei diseredati. Il resto del mondo paga un prezzo altissimo per le politiche neocoloniali delle multinazionali, che prosperano nel caos da loro stesse creato. I terroristi emergono in tale contesto: per Badiou la loro pulsione distruttrice è essenzialmente fascista e vuol reprimere il desiderio d’Occidente, anche in loro stessi. L’islamismo che ostentano, a suo avviso, è un fattore estrinseco e non costitutivo del loro agire. Ciò di cui noi soffriamo in particolar modo è l’assenza su scala mondiale di una politica disgiunta dal capitalismo egemonico. Senza una nuova proposta strategica il mondo resterà in uno stato di disorientamento. È un compito gravoso, ma indispensabile per tutti, fare in modo che la storia dell’umanità cambi direzione e, faticosamente, cerchi di allontanarsi dalla fosca catastrofe in cui sta sprofondando.