Giulio Einaudi editore

Ulisse

Nella traduzione di Gianni Celati
Ulisse
Nella traduzione di Gianni Celati
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

«Bloom è Shakespeare, Ulisse, l'ebreo errante, il lettore del Daily Mail, l'uomo che crede a ciò che legge nei giornali, ognuno, e il capro espiatorio...»

Ezra Pound

2013
Letture Einaudi
pp. 1006
€ 28,00
ISBN 9788806191818
Traduzione di
Prefazione a cura di

Il libro

Annunciata e attesa da molti anni, questa nuova traduzione dell’Ulisse è diventata essa stessa una specie di leggenda. Finalmente il lettore può constatare l’entità e la qualità del lavoro di Celati, un lavoro da scrittore, teso a restituire il ritmo e i toni dell’originale joyciano, ritrovando anche, là dove possibile, il sapore delle citazioni di vecchie canzoni, fatti di cronaca dimenticati: insomma, l’enorme massa dei riferimenti alti e bassi di cui il libro è gioiosamente colmo.
La migliore occasione per accostarsi o riaccostarsi a uno dei capolavori della narrativa novecentesca scoprendone, oltre all’intelligenza e alla complessità, la musica di sottofondo, ipnotica e incantatrice.

***

L’Ulisse è un libro scritto da qualcuno che doveva diventare tenore (Joyce quando abitava a Trieste), uno che aveva imparato a trasmettere sulla pagina ciò che i musicisti chiamano «orecchio interno», al di là del senso oggettivo delle parole. In effetti, se facessimo il calcolo di quante cantate spuntano nell’Ulisse ogni poche pagine, vedremmo un ventaglio di citazioni canterine che sono la spina dorsale joyciana per scavalcare tutti i discorsi e intendersi con diversi richiami musicali: dall’opera lirica alla filastrocca oscena, da un canto gregoriano («Gloria in excelsis Deo») al rumore della carrozza del viceré che passa sul lungofiume («Clapclap, Crilclap»), dai nursery rhymes a una poesia tedesca sul canto delle sirene («Von der Sirenen Listigkeit…»), dal verso del cuculo («Cucú! Cucú») al Fiore di Siviglia (opera lirica), dalle battute per tenere il ritmo d’una pagina («Tum» «Tum») a quelle di altri suoni («Pflaap! Pflaap! Pflaaaap»), alla cantata mozartiana, ricorrente nei pensieri di Mr Bloom: «Vorrei e non vorrei, mi trema un poco il cor», e cosí via.

Dalla prefazione di Gianni Celati

Altri libri diJames Joyce