Giulio Einaudi editore

Il progetto Lazarus

Il progetto Lazarus
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

La storia vera di un immigrato ucciso dalla polizia nella Chicago d'inizio secolo e quella di uno scrittore di oggi che attraversa l'Europa per ricostruirne la vicenda.
La storia di due uomini che condividono la medesima solitudine: quella di chi, sospeso tra continenti e lingue diverse, non si sente a casa in nessun luogo.

2010
Supercoralli
pp. 310
€ 21,00
ISBN 9788806194246
Traduzione di

Il libro

Lazarus Averbuch ha diciannove anni e nient’altro che una busta in mano quando una mattina di marzo bussa alla porta del capo della polizia di Chicago. Lazarus è solo uno dei tanti immigrati che provano a tirare avanti nell’America del 1908, un ebreo fortunosamente sopravvissuto ai pogrom dell’Europa orientale e un fratello affettuoso per Olga. Non c’è nulla di minaccioso in lui, vuole solo consegnare quella lettera: ma quando il capo della polizia lo vede – spaventato dalla «fisionomia straniera» del ragazzo – afferra la pistola e lo uccide. Immediatamente le autorità costruiscono il caso del sanguinoso anarchico che voleva attentare alla vita del poliziotto: una motivazione più che sufficiente per dare il via a misure ulteriormente repressive nei confronti degli immigrati.
Quando un secolo dopo, ai giorni nostri, l’aspirante scrittore Vladimir Brik si imbatte nella vicenda di Lazarus, capisce che deve raccontarla: anche lui è un immigrato – è arrivato da Sarajevo poco prima dello scoppio della guerra nei Balcani – e solo riportando in vita il «suo» Lazzaro, strappandolo «alla nebbia della storia e del dolore», riuscirà a placare i fantasmi che lo tormentano. Insieme all’amico Rora – fotografo di guerra, giocatore d’azzardo, gigolò e straordinario bugiardo – si mette sulle tracce di Lazarus in un viaggio che li porterà, come due improbabili cavalieri erranti, ad attraversare l’Europa, dall’Ucraina alla Moldavia, da Bucarest a Sarajevo, in un crescendo di avventure (ma soprattutto disavventure) in cui la frontiera più attraversata è quella tra la realtà e l’immaginazione letteraria.

«Raramente un libro rinnova senza scandalo l’arte di narrare. Con l’acume del suo linguaggio, con la sua intelligenza … Hemon ha scritto un insuperabile capolavoro».
Alberto Manguel, El Paìs

«La scrittura di Hemon a tratti mi ricorda quella di Nabokov. Un talento incredibile».
James Wood, The New Yorker

«Hemon prende la struttura formale dell’umorismo, la grammatica della commedia, il ritmo e il tempo degli scherzi, e li usa per rivelare la disperazione. Il progetto Lazarus è un libro pieno di divertimento e battute, e allo stesso tempo indicibilmente triste».
Cathleen Schine, The New York Times

Altri libri diAleksandar Hemon