Giulio Einaudi editore

Vita e morte delle grandi città

Saggio sulle metropoli americane
Copertina del libro Vita e morte delle grandi città di Jane Jacobs
Vita e morte delle grandi città
Saggio sulle metropoli americane
indice
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Un libro appassionante, ormai un classico della sociologia urbana, che da sempre alimenta un dibattito tra difensori e oppositori della programmazione urbanistica.

2009
Piccola Biblioteca Einaudi Ns
pp. XX - 446
€ 26,00
ISBN 9788806197247
Traduzione di
Prefazione a cura di

Il libro

La programmazione urbanistica è davvero la soluzione per i problemi delle grandi metropoli? O non è piuttosto una prospettiva intellettualistica, viziata di utopismo, dimentica della natura concreta e del modo di interagire delle città reali? È la domanda chiave che Jane Jacobs ci rivolge in questo libro appassionante, ormai un classico della sociologia urbana, che da sempre alimenta un dibattito tra difensori e oppositori della programmazione urbanistica. Di fronte alla pianificazione urbanistica, la Jacobs propone di verificare come le città funzionino nella vita reale. La prima parte del libro riguarda il comportamento sociale degli abitanti della città, la seconda studia il suo funzionamento economico; la terza prende in esame alcuni esempi di rigenerazione urbana, mentre la quarta propone i mutamenti da apportare alle tecniche degli alloggi e del traffico, alle impostazioni urbanistiche e architettoniche. In questo modo, i tradizionali principî urbanistici vengono rovesciati: all’ortodossia della disciplina la Jacobs preferisce i dati eterodossi di una misura umana, perché l’organismo reale della città deve valere piú delle regole astratte. I pianificatori, invece, condizionati dai loro codici operativi e da una vera e propria ideologia avulsa dai fatti, finiscono per separare la progettazione dalle esigenze della comunità: si creano cosí degli squilibri che, aggravandosi, rischiano portare le metropoli alla morte.

Altri libri diSociologia