Giulio Einaudi editore

Fondata sul lavoro

La solitudine dell'articolo 1
Fondata sul lavoro
La solitudine dell'articolo 1
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Unico tra i diritti, il diritto al lavoro è esplicitamente enunciato tra i principî fondamentali della Costituzione. La politica deve essere condizionata al lavoro e non il lavoro alla politica. È bene ribadirlo, oggi, mentre è in corso il rovesciamento di questo rapporto.

2013
eBook
pp. 80
€ 6,99
ISBN 9788858408438

Il libro

Il costituzionalismo ottocentesco, come dottrina politica nasce con un marchio classista che l’oppone alla democrazia. Ma basta aprire la nostra Costituzione all’articolo 1 per vedere quanto lungo sia stato il cammino che da allora è stato compiuto: «L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro». A questo ha condotto l’ascesa delle masse popolari, cioè del mondo del lavoro, alla vita politica e l’accesso alle istituzioni. In una parola, c’è stata la diffusione della democrazia, sia nella sua dimensione politica che in quella sociale. Il riconoscimento del lavoro come fondamento della res publica, cioè della cosa o della casa comune, significa compimento di un processo storico d’inclusione nella piena cittadinanza. L’articolo 3 della Costituzione è uno svolgimento dell’articolo 1: «È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’uguaglianza dei cittadini, impediscono […] la effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese». È bene tenerlo a mente, nel momento in cui azioni diverse compromettono il significato costituzionale del lavoro, e al tempo stesso, la dignità del lavoratore.

Altri libri diGustavo Zagrebelsky
Altri libri diDiritto