Giulio Einaudi editore

Psicologia di massa del fascismo

Copertina del libro Psicologia di massa del fascismo di Wilhelm Reich
Psicologia di massa del fascismo
estratto
indice
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Un contributo senza eguali alla comprensione di uno dei fenomeni cruciali della storia dell'umanità. Un libro che ha ispirato Fromm e Adorno, che è stato un vessillo del '68, e che i drammi dei genocidi piú recenti, in Ruanda e nei Balcani, rendono di impressionante attualità.

2009
Piccola Biblioteca Einaudi Ns
pp. LXVI - 496
€ 26,00
ISBN 9788806199869
Contributi di

Il libro

«Il fascismo, nella sua forma piú pura, è la somma di tutte le reazioni irrazionali del carattere umano medio. Il sociologo ottuso, a cui manca il coraggio di riconoscere il ruolo predominante della irrazionalità nella storia dell’umanità, considera la teoria fascista della razza soltanto un interesse imperialistico, per dirla con parole piú blande, un “pregiudizio”. Lo stesso dicasi per il politico irresponsabile e retorico. L’intensità e la vasta diffusione di questi “pregiudizi razziali” sono la prova che essi affondano le loro radici nella parte irrazionale del carattere umano. La teoria della razza non è una creazione del fascismo. Al contrario: il fascismo è una creazione dell’odio razziale e la sua espressione politicamente organizzata. Di conseguenza esiste un fascismo tedesco, italiano, spagnolo, anglosassone… L’ideologia razziale è una tipica espressione caratteriale biopatica dell’uomo orgasticamente impotente».

Wilhelm Reich

Psicologia di massa del fascismo, scritto nel 1933 e in seguito messo al bando dai nazisti, è un contributo senza eguali alla comprensione di uno dei fenomeni cruciali della storia dell’umanità. Un libro che ha ispirato Fromm e Adorno, che è stato un vessillo del ’68, e che i drammi dei genocidi piú recenti, in Ruanda e nei Balcani, rendono di impressionante attualità.

Altri libri diPsicologia