Giulio Einaudi editore

Il seminario. Libro XI

I quattro concetti fondamentali della psicoanalisi. 1964
Copertina del libro Il seminario. Libro XI di Jacques Lacan
Il seminario. Libro XI
I quattro concetti fondamentali della psicoanalisi. 1964
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Proprio come Lacan chiama la sua scuola «Scuola freudiana», in questo seminario usa il termine di «concetti freudiani» proprio per provare che lui non è un dissidente. Ma nell'ambito del suo tributo cerca di andare al di là di Freud. Non un al di là che lascia perdere Freud. È un al di là di Freud che è tuttavia in Freud. Lacan cerca qualcosa nell'opera di Freud di cui Freud stesso era inconsapevole.

Dal testo di Jacques-Alain Miller Contesto e concetti

2003
Biblioteca Einaudi
pp. VI - 298
€ 28,00
ISBN 9788806166588
Traduzione di
Contributi di

Il libro

I quattro concetti fondamentali della psicoanalisi, seminario pronunciato da Lacan nel 1964, segna una svolta fondamentale nel suo insegnamento e rispetto alla causa analitica. È infatti il momento della rottura con l’Associazione internazionale freudiana e della fondazione della sua Scuola, l’École freudienne de Paris. Tuttavia la svolta è anche rispetto al suo insegnamento. Fino allora ogni seminario era stato costruito come un commento attorno a un testo di Freud. A partire da ora invece Lacan riprende la scoperta freudiana rielaborandola in un insegnamento inedito. In questo seminario egli riprenderà i fondamenti della psicoanalisi in quattro concetti chiave: l’inconscio, la ripetizione, il transfert e la pulsione. L’inconscio: Lacan lo rivitalizza introducendovi il concetto di soggetto che non è l’Ich freudiano ma il soggetto del desiderio inconscio. La ripetizione: essa non si riduce al fatto che l’inconscio dice sempre le stesse cose, ma introduce l’articolazione tra i significanti. È proprio dalla combinazione tra il soggetto e il sapere che Lacan presenta il transfert: non già ripetizione, ma emergenza del soggetto supposto sapere e dell’amore a esso connesso. Infine la pulsione, in cui anche quando la meta non è raggiunta si realizza nel tragitto un godimento. Ed è cosí che il soggetto dell’inconscio, nonostante la sofferenza provocata dal sintomo, trova sempre modo di godere. I quattro concetti fondamentali della psicoanalisi sono in fondo, secondo Lacan, quattro modi di dire l’inconscio.
Nuova edizione italiana a cura di Antonio Di Ciaccia, completamente riveduta e con uno scritto di Jacques-Alain Miller.

Altri libri diPsicoanalisi