Giulio Einaudi editore

La rovina dell’egoista Johann Fatzer

Copertina del libro La rovina dell’egoista Johann Fatzer di Bertolt Brecht
La rovina dell’egoista Johann Fatzer
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Secondo Heiner Müller, il Fatzer è il «testo del secolo» per la densità linguistica e la libertà sperimentale che Brecht si è concesso, alla stregua di Goethe con il Faust.

2007
Collezione di teatro
pp. XX - 122
€ 10,50
ISBN 9788806190323
Traduzione di
Introduzione a cura di

Il libro

La rovina dell’egoista Johann Fatzer è un dramma incentrato sulla necessità di opporsi all’ingiustizia e allo sfruttamento senza essere risucchiati nel circolo vizioso della violenza: un tema fondamentale nel dibattito politico della sinistra all’epoca della Repubblica di Weimar. Bertolt Brecht vi lavorò tra l’agosto del 1926 e il febbraio del 1930: di questa lunga gestazione, nell’archivio brechtiano sono rimaste circa 500 pagine fra parti concluse, osservazioni, appunti e annotazioni di vario genere. Solo un paio di scene furono pubblicate nel giugno del 1930 nel primo quaderno dei Versuche. È in questo caos di inediti che il drammaturgo Heiner Müller ha cercato un filo conduttore, abbozzato una possibile trama e delineato un percorso ideologico che, pur nella sua frammentarietà, solleva domande e lascia presagire risposte. È il testo che presentiamo in questa sede: una versione per il teatro assemblata nel 1978, in una Germania scossa dalla scia di sangue lasciata dalla Raf, e messa in scena in quello stesso anno allo Schauspielhaus di Amburgo.

Altri libri diTeatro