Giulio Einaudi editore

Piccola cosmogonia portatile

Seguita da Piccola guida alla Piccola cosmogonia di Italo Calvino
Copertina del libro Piccola cosmogonia portatile di Raymond Queneau
Piccola cosmogonia portatile
Seguita da Piccola guida alla Piccola cosmogonia di Italo Calvino
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

La scimmia senza sforzo diventò /
l'uomo, che un po' più tardi disgregò l'atomo

2003
Collezione di poesia
pp. VII - 203
€ 15,00
ISBN 9788806165208
Traduzione di

Il libro

Con la Piccola cosmogonia portatile Queneau ha voluto realizzare un equivalente moderno del De rerum natura di Lucrezio, rivissuto in chiave giocosa ma scientificamente preciso, aggiornato a quelle che erano le conoscenze delle varie discipline nel 1950, quando il libro uscì per la prima volta in edizione originale. In sei canti (come Lucrezio) Queneau esplora gli orizzonti dell’astronomia, della geologia, della biologia, della chimica e della storia delle tecniche umane; non solo, ma enuncia anche i lineamenti di una sua filosofia della natura e riesce a trasmettere una sorta di commozione cosmica riflessa dalle vicende dell’universo e dell’uomo. La Piccola cosmogonia portatile concentra alcune delle caratteristiche più peculiari di Queneau: l’enciclopedismo, il fascino per la matematica, la contaminazione fra lessico scientifico e stile poetico, il rapporto fra le strutture formali della natura e le infinite espressioni di vita. «Intraducibile» per definizione, questo poema ha spinto un poeta di inesauribile curiosità intellettuale come Sergio Solmi a cimentarsi in una traduzione in versi. Ne è nato, nel 1982, un testo poetico italiano pieno di tensione e di slancio, una versificazione folta, vibrante e arguta. Che attendeva da tempo di essere accolto in questa collana. In appendice, la Piccola guida alla “Piccola cosmogonia” di Italo Calvino, un saggio che analiticamente ripercorre i sei canti e ne illumina il senso e molte invenzioni linguistiche.

Altri libri diRaymond Queneau
Altri libri diPoesia