Giulio Einaudi editore

Canzoniere della morte

Copertina del libro Canzoniere della morte di Salvatore Toma
Canzoniere della morte
indice
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Canzoniere della morte raccoglie le piú intense composizioni, spesso inedite e introvabili, del giovane poeta salentino morto suicida a soli 36 anni. L'antologia si divide in tre sezioni che sottolineano altrettanti temi fondamentali dell'ispirazione dell'artista e che costituiscono il movente della sua scrittura: la pietas verso gli animali, il sottile fascino della morte, l'immaginario e il sogno.

1999
Collezione di poesia
pp. XI - 109
€ 11,00
ISBN 9788806148065
A cura di

Il libro

Apre il volume la raccolta Canzoniere della morte, la piú lirico-drammatica, dove il tema della morte, che accompagna il poeta per l’intera vita, e si insinua sottilmente in tutte le sue «selvagge e surreali fantasie», diventa qualcosa di squisitamente interiore: la voce piú profonda dell’io. Segue Bestiario salentino del XX secolo nei cui versi Toma oppone al vivere quotidiano una nuova naturalezza recuperata nel contatto con gli animali del bosco: dagli uccelli, ai felini, ai cani, animali questi ultimi di cui il poeta amava circondarsi e che dalla realtà spesso entravano nel suo stato di sogno. A un surreale onirico è dedicata anche la terza sezione, significativamente intitolata I sogni della sera: qui il sogno e l’immaginario, complice a volte l’alcol, si sostituiscono alla realtà sino a trasformarla in favola personale. “L’incomparabile familiarità con la morte di questo artista suicida, -dice Maria Corti nell’introduzione al volume, -il senso di un’assidua presenza misteriosa ci fanno sentire con forza e con sorpresa l’originalità di questa poesia nel contesto tradizionale e in quello dei nostri giorni. Inoltre siamo di fronte a una poesia sconosciuta, che si vuole finalmente rendere nota ai lettori”.

Altri libri diPoesia