Giulio Einaudi editore

Addio mio Novecento

Addio mio Novecento
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Un'altra ora e ce ne sono state,
ce ne saranno ancora, forse meno
di prima, contenute nelle case,
costrette nelle cose, e forse troppe
ne restano, di ore da riempire,

di ore già passate,

non aggregate, pezzi di giornate
a farne uno, un giorno per intero,
almeno uno, un giorno che sia vero:
ci basterebbe, credo, nel frastuono
iniquo d'ore, un giorno solamente.

2014
Collezione di poesia
pp. 114
€ 11,50
ISBN 9788806216481

Il libro

Con questo nuovo volume di versi, a quattro anni da A schemi di costellazioni, Aldo Nove affronta la fine della memoria: dunque non la fine di un secolo, ma la fine del senso del passato, di una continuità rassicurante. E con la fine della memoria, con la progressiva scomparsa del passato, diventa sempre piú flebile anche la nostalgia.
Dunque una riflessione sul tempo. Il tempo privato e storico da un lato, il tempo cosmico e geologico dall’altro. Il residuo nostalgico in dissolvimento («il fuoco del tramonto | non ha fine per chi lo abita») e un’entità ritmica, puro movimento, con cui fare i conti. I due fuochi si lambiscono nel flusso alternato dei versi, divisi in due serie parallele che si rincorrono. I due fuochi si toccano soprattutto nel gusto e nelle capacità (dove Nove è inarrivabile) di far collidere l’immensamente grande con il molto piccolo. In tutto questo, essendo un libro di Aldo Nove, non può non esserci autobiografia, luoghi e stupori dell’infanzia. Ma sono ricordi come svaporati nell’universo, senza piú un senso identitario, apparizioni fantasmatiche che si mescolano con concrezioni materiche di ere passate. Il rimpianto dell’io-ieri diventa evocazione del tutto-sempre.

Altri libri diAldo Nove
Altri libri diPoesia