Giulio Einaudi editore

A schemi di costellazioni

A schemi di costellazioni
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Perché ci fa paura quando dicono
le pietre cosa siamo ancora prima
di noi. Prossime a noi ma più vicine
a noi che a loro ritorniamo sempre.

2010
Collezione di poesia
pp. 106
€ 11,00
ISBN 9788806200039

Il libro

Dopo la parentesi pop-arcaica di Maria, Aldo Nove torna a forme di poesia più modernamente franta e complessa, ma la vocazione «massimalista» del poemetto viene confermata, se non addirittura rilanciata. I fuochi centrali del libro sono la dimensione cosmica dell’esistenza e le ferite dell’individuo che vorrebbe parteciparvi, la fenomenologia del dolore umano, il ruolo dell’arte e della poesia. Nel flusso ritmico e ribollente che avvolge le cose non mancano i segni di un mondo prima del tempo e prima del senso. Ma è un mondo alieno, o meglio: noi siamo alieni ad esso, chiusi nei meccanismi delle nostre vite quotidiane, delle nascite e delle morti, impediti a percepire la memoria perduta del prima e del dopo, ancorati alla paura di una dissoluzione. In altre parole, svolgendo l’ossimoro di un altro titolo di Aldo Nove, nell’«oggi come oggi» non possono albergare galassie: perché «Non c’è pietà o presente nella fuga / centripeta di tutto».
Il libro alterna forme chiuse e aperte, nel segno di un respiro più controllato o tanto ansimante da spegnersi in frammenti di frase, in singole parole alonate di faticoso silenzio. Sono sistole e diastole di un unico pulsare, in cui pacata razionalità e delirio sembrano appartenere a una stessa natura poetica, tesa a ricucire uno strappo primordiale che è poi la nostra vera, tragica essenza.

Altri libri diAldo Nove
Altri libri diPoesia