Giulio Einaudi editore

Il solo modo per dirsi addio

Il solo modo per dirsi addio
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

La sconvolgente storia di una famiglia ebrea e del suo feroce aguzzino nazista

Che cosa spinge il timido figlio di un calzolaio a diventare un carnefice nazista? Perché i discendenti di una delle sue vittime si trasferiscono proprio nella casa dove lui torturava? Simon Stranger ripercorre i destini incrociati di cinque generazioni di una famiglia ebrea e di uno dei piú spietati criminali della storia norvegese.

Vincitore del Norwegian Booksellers' Prize, del Riksmål Prize e in corso di traduzione in 22 Paesi.

2021
Stile Libero Big
pp. 344
€ 18,50
ISBN 9788806243326
Traduzione di

Il libro

In una strada di Trondheim, Simon Stranger si inginocchia per raccontare al figlio che secondo la tradizione ebraica una persona muore due volte: prima quando il suo cuore smette di battere, poi quando il suo nome viene letto, pensato o detto per l’ultima volta. Davanti a loro c’è la pietra d’inciampo di Hirsch Komissar, il trisnonno del ragazzo che nel 1942 fu deportato e assassinato dai nazisti. Il colpevole della morte di Komissar fu uno dei piú vili traditori della Norvegia: Henry Oliver Rinnan, un collaboratore della Gestapo che stabilí il suo quartier generale in una casa di periferia di Trondheim e trasformò la cantina in una camera di tortura per i dissidenti. La stessa casa in cui i nipoti di Hirsch tornano a vivere dopo la caduta del Terzo Reich. A partire da questo insolito scherzo del destino, Stranger costruisce un romanzo toccante sulla volontà di esorcizzare il dolore e sul tentativo di mantenere in vita i nomi di coloro che si sono persi.

«Una storia familiare piena di colpi di scena, narrata con una prosa che abbaglia per la sua bellezza».
Dagbladet

«Un libro magistrale, vivido, un’esperienza profondamente emotiva».
Nora Krug

Altri libri diNarrativa scandinava