Giulio Einaudi editore

Vergogna

Copertina del libro Vergogna di J. M. Coetzee
Vergogna
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

«Cupamente magnifico... è una storia dura, scritta in una scarna, aspra bellezza e con una potenza che la rende sia esilarante sia spietata. E conferma Coetzee come uno dei migliori narratori di oggi»

«The Sunday Times »

«A dispetto della sua resistenza al realismo storico Coetzee ha una mente profondamente politica»

«The New York Times Book Review»

«Vergogna esplora i piu estremi territori di ciò che significa essere umani: è alla frontiera della letteratura mondiale»

«The Sunday Telegraph»

«Un classico per le generazioni future»

«The Observer»

2000
Supercoralli
pp. 234
€ 14,46
ISBN 9788806155476
Traduzione di

Il libro

«A suo avviso, per essere un uomo della sua età, cinquantadue anni, divorziato, ha risolto il problema del sesso piuttosto bene». È la prima frase di Vergogna, e chi la pronuncia, il professor David Lurie, quel problema non l’ha risolto affatto. Non a caso, una sera Lurie invita a casa sua una studentessa e la seduce. Costretto a lasciare la professione, Lurie si rifugia da sua figlia, in campagna. Qui potrebbe trovare la pace, e invece trova altra violenza – quella che tre sconosciuti esercitano sulla ragazza. Lurie vorrebbe denunciarli, ma sua figlia si oppone, sostenendo che il pericolo con cui i bianchi convivono è il prezzo da pagare per avere diritto alla terra. Dunque non c’è soluzione possibile, i problemi restano aperti. Solo la vergogna continua… Vincitore del Booker Prize 1999, Vergogna mette in scena, senza essere direttamente politico, la trasformazione del Sud Africa post-apartheid – un mondo ancora irrisolto e indeterminato come i personaggi di Coetzee, come il loro destino.