Giulio Einaudi editore

I fatti

Autobiografia di un romanziere
I fatti
Autobiografia di un romanziere
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Un forte esaurimento nervoso spinge Philip Roth a ricapitolare la propria vita. E, per la prima volta dopo una carriera passata a trasfigurare le proprie vicende nella narrativa di invenzione, lo fa in un testo apertamente autobiografico.
Ma può un romanziere limitarsi a raccontare i fatti, nient'altro che i fatti?

2013
Supercoralli
pp. 216
€ 18,50
ISBN 9788806178956
Traduzione di

Il libro

Philip Roth invia una lettera a Nathan Zuckerman – protagonista di molti suoi libri e alter-ego per eccellenza – chiedendogli se valga la pena pubblicare il testo che gli allega. Sono pagine autobiografiche che l’autore di Pastorale americana ha scritto a seguito di una crisi emotiva ed esistenziale che lo ha condotto a un ripensamento tanto della sua letteratura, quanto della sua vita.
L’autore si concentra su cinque snodi del suo percorso esistenziale: l’infanzia protetta e circondata dall’affetto dei genitori negli anni Trenta e Quaranta, l’educazione alla vita americana durante gli anni universitari, il tormentato rapporto con la persona piú arrabbiata del mondo («la ragazza dei miei sogni»), lo scontro con l’establishment ebraico seguito alla pubblicazione di Goodbye, Columbus, fino alla scoperta, negli scatenati anni Sessanta, del lato piú folle del suo talento che lo porterà a quel capolavoro che è Il lamento di Portnoy.
I fatti è l’autobiografia non convenzionale di uno scrittore non convenzionale.

***

«I fatti è allo stesso tempo un romanzo, un’apologia pro vita sua, una confessione, un’informale “Guida all’opera di Philip Roth”, un esercizio di nostalgia e di risarcimento».

«The New York Times»