Giulio Einaudi editore

Contrappunto

Tre film, un libro e una vecchia fotografia
Copertina del libro Contrappunto di Don DeLillo
Contrappunto
Tre film, un libro e una vecchia fotografia
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Don DeLillo sceglie una prospettiva inusuale per parlare con la consueta lucidità di temi a lui da sempre cari: la vita dell'artista, la natura solitaria del processo di creazione, il carattere ossessivo e perciò incontrollato dell'arte in divenire.

2008
L'Arcipelago Einaudi
pp. 38
€ 10,00
ISBN 9788806188733
Traduzione di

Il libro

«Nelle culture antiche, il solitario è una figura maligna. Minaccia il benessere del gruppo. Noi però lo conosciamo perché lo incontriamo, in noi stessi e negli altri. Vive in contrappunto, una sagoma in sbiadita lontananza. Ecco ciò che è: persistentemente solo».

Don DeLillo sceglie una prospettiva inusuale per parlare con la consueta lucidità di temi a lui da sempre cari: la vita dell’artista, la natura solitaria del processo di creazione, il carattere ossessivo e perciò incontrollato dell’arte in divenire. Lo fa accostando prodotti di diversi linguaggi espressivi – quello cinematografico, quello letterario e quello iconografico – e lasciando che dialoghino fra loro.
I tre film (Atanarjuat, Trentadue piccoli film su Glenn Gould e Thelonius Monk: Straight No Chaser) disegnano così una costellazione che include il libro (Il soccombente di Thomas Bernhard) e la fotografia (un vecchio scatto che ritrae Thelonius Monk, Charles Mingus, Roy Haynes e Charlie Parker) e si accende di significato grazie alla lettura che ci offre DeLillo.