Giulio Einaudi editore

«Con Borne, VanderMeer prosegue la sua indagine sulla grazia malevola del mondo: ed è una meraviglia totale».
Colson Whitehead

«Il talento di VanderMeer sa guidarci in un mondo che ricorda La strada».
«Kirkus»

2018
Supercoralli
pp. 352
€ 20,00
ISBN 9788806236809
Traduzione di

Il libro

Fra le macerie di una città in rovina, la cacciarifiuti Rachel si imbatte in una creatura misteriosa che decide di prendere con sé: Borne non è una pianta, non è un animale e non è un umano, ma cresce giorno dopo giorno e per Rachel diventa come un figlio. Borne è una grande storia d’amore e perdita sotto il cielo minaccioso di un futuro postapocalittico. È un’indagine su cosa ci rende davvero umani. È la letteratura che esprime tutto il suo potenziale.


Fra le macerie di una città in rovina – infestata da biotecnologie fuori controllo, percorsa da bande di razziatori, dominata dal cielo da un orso mutante di nome Mord – la cacciarifiuti Rachel si imbatte in una creatura misteriosa e decide di prenderla con sé, chiamandola Borne. All’inizio poco piú di una pianta, Borne cresce a una rapidità impressionante: è un bambino curioso e frenetico; è un anemone di mare gigante che muta forma e colore; è una persona; è un mostro; è un figlio adottivo. L’arrivo di Borne altera gli equilibri della vita di Rachel – che, arrivata nella città come migrante, si trova a dover imparare a essere madre rievocando gli anni spesi coi genitori a girare per campi profughi, fra una catastrofe ecologica e l’altra. Altera anche il suo rapporto con Wick, il creatore di bio-tec con cui convive, che non si fida del nuovo arrivato: forse perché teme che sia un mutante, o forse perché, come un padre inesperto, si sente tagliato fuori dall’amore che lo lega a Rachel. E mentre Borne cresce, tutt’intorno si intensifica la lotta per il dominio sulla città tra l’enigmatica Compagnia e le creature che le si sono ribellate – su tutti Mord, l’orso gigante le cui incursioni aeree si fanno sempre piú frequenti e sanguinarie. E con orrore di Rachel e Wick appare sempre piú chiaro che Borne – il loro bambino, la loro arma aliena – in questa guerra è destinato a giocare un ruolo decisivo. Negli ultimi anni la fantascienza sta tornando prepotentemente in primo piano nella letteratura mondiale, come luogo di elaborazione dei dilemmi sociali, politici e morali della nostra epoca. Jeff VanderMeer è fra i principali esponenti di questa nuova ondata, che ha espanso i confini tematici del genere a includere questioni di grandissima attualità – migrazioni planetarie, disastri ambientali, ruoli di genere. Dopo il successo della Trilogia dell’Area X, il suo nuovo romanzo alza di nuovo la posta immaginativa e letteraria, usando la fantascienza postapocalittica per indagare qualcosa di intimo e quotidiano come la maternità. Al cuore di Borne, sotto gli orsi volanti e le bio-tec sanguinarie, c’è una domanda radicalmente umana: cosa significa, in un’epoca di drastiche trasformazioni scientifiche e biologiche, «essere una persona».

Vincenzo Latronico


«VanderMeer è uno di quei rari casi di letteratura capace di intaccare un paradigma cognitivo».

Gianluca Didino, «il Mucchio Selvaggio»


«Per una letteratura che sembrava aver trovato ogni anticorpo possibile, è un sollievo scoprire con VanderMeer che c’è ancora la capacità di ammalarsi».

Claudia Durastanti, «IL – Il Sole 24 Ore»


«VanderMeer è la fantascienza dell’Antropocene».
Valerio Mattioli, «Prismo»

Approfondimento

Jeff VanderMeer «Borne»

Dal creatore della Trilogia dell’Area X. Con la copertina di Lorenzo Ceccotti, in arte LRNZ.
leggi
Altri libri diJeff VanderMeer