Giulio Einaudi editore

Dio ha misurato il tuo regno

Una storia transilvana
Dio ha misurato il tuo regno
Una storia transilvana
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

«Mene Tekel Peres» scrivono le dita di fuoco sulla parete del palazzo di re Baldassàr. E Daniele interpreta: «Dio ha misurato il tuo regno», «Tu sei stato pesato», «Il tuo regno è stato diviso». Tre profezie che si adattano appieno all'Ungheria di inizio Novecento, un paese smarrito in cui l'aristocrazia balla, beve, amoreggia, va a caccia e gioca d'azzardo, ma, al pari del Baldassàr dell'Antico Testamento, è del tutto impreparata ad affrontare le imminenti sciagure.

2010
I coralli
pp. 874
€ 24,00
ISBN 9788806198800

Il libro

Pubblicata con grande successo negli anni Trenta e caduta in disgrazia nel Secondo dopoguerra, la trilogia di Miklós Bánffy è uno straordinario affresco di una regione, di un popolo, di un’intera epoca.

Nell’Ungheria di inizio Novecento le crisi politiche si succedono, l’instabilità mina le fondamenta stesse del paese, ma l’aristocrazia, la classe che ancora regge i destini dello Stato, continua a dedicarsi ai suoi passatempi preferiti, dimostrando così tutta la sua inettitudine: organizza grandi battute di caccia e corse a cavallo, partecipa a balli sontuosi e ricchi banchetti, si sfida a duello, dilapida fortune al tavolo da gioco, si perde in fatue e distruttive passioni d’amore. È in questa cornice che si muovono il conte Bálint Abády, che ha appena abbandonato la carriera diplomatica per tornare a curare le terre avite in Transilvania e dedicarsi alla politica, suo cugino László Gyeroffy, un musicista dotato ma debole di carattere e incline a una condotta di vita irregolare, e Adrienne, una giovane donna costretta in un matrimonio infelice. Davanti agli occhi distratti e incuranti di questi tre giovani, si dipanano gli avvenimenti politici e sociali che porteranno alla Grande guerra e quindi alla dissoluzione dell’Impero austroungarico.
Scritto negli anni Trenta e prima parte di una trilogia, Dio ha misurato il tuo regno è pervaso da un profondo e diffuso senso di smarrimento e di perdita che accomuna i protagonisti, tutti a loro modo «senza qualità», ma al tempo stesso insoddisfatti della propria esistenza; l’Ungheria nel suo complesso, che anche per proprie colpe si sta ormai lasciando alle spalle i decenni di maggiore ricchezza e felicità per avviarsi verso una lunga fase di decadenza; e la Transilvania in particolare che dovrà fare i conti con gli imprevedibili e crudeli sviluppi della politica.

Altri libri diAltre narrative