Giulio Einaudi editore

Bevete cacao Van Houten!

Bevete cacao Van Houten!
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

In quattordici ritratti folgoranti, Ornela Vorpsi ci racconta la tragicommedia di chi si sente in trappola, costretto a rimanere immobile o proteso per sempre verso infinite terre promesse. Con il suo sguardo obliquo e la sua lingua poetica e volatile, si conferma superba narratrice di un mondo «che va così, a passi falsi».

2010
L'Arcipelago Einaudi
pp. 142
€ 12,50
ISBN 9788806179632

Il libro

«A sedici anni, nei versi di Majakovskij, lessi una storia che mi segnò per sempre. La ditta Van Houten, che produceva dell’eccellente cacao, ebbe una trovata macabra e geniale: comprare l’ultimo desiderio di un condannato a morte per pubblicizzare la sua polvere scura. L’uomo davanti alla folla curiosa avrebbe dovuto gridare come ultimo desiderio lo slogan: Bevete cacao Van Houten! In compenso, la sua famiglia avrebbe ricevuto una somma di denaro sufficiente a vivere con tranquillità almeno per un paio d’anni.
L’uomo gridò. La mia anima di sedicenne anche».

Quando si nasce nella «prigione chiamata Albania», esistono solo due modi di orientare lo sguardo. C’è quello del pittore Petraq, che cammina chino sull’asfalto e sembra rimpicciolire ogni giorno di più: è lo sguardo basso della colpa, di chi si vergogna della propria vecchiaia, ma anche della propria bellezza, o di un marito che ha troppa voglia di fare l’amore. E poi ci sono gli occhi puntati dritti verso formidabili orizzonti: è lo sguardo di Gazi che attraversa l’Adriatico e sogna di portare la sua musica in Italia, in Francia, negli Stati Uniti. Sono gli occhi di Teuta mentre stropiccia il foglietto su cui è segnato l’indirizzo che dovrebbe accoglierla a Roma, quelli di Sabrina inghiottita dal mare, e di Lumturi che si nutre delle pagine di Proust e Stendhal.
Complice un tempo che sembra eterno, l’Albania smette di essere prigione per diventare limbo, uno stato transitorio nel quale si sopravvive coltivando «promesse d’altrove», fino al giorno in cui si parte davvero. Ed eccolo, finalmente, «il paese dei miracoli», un luogo in cui la bellezza femminile non è più dannazione ma fortuna, il pesce non ha le lische e le scatole di tè racchiudono prodigi mai sentiti.
Ma l’autrice di questi quattordici racconti, che ha lasciato Tirana a ventidue anni e ha scelto di scrivere in italiano, di sguardo ne ha inventato un altro: obliquo, che gioca a ribaltare le ovvietà della lingua e dell’esistenza.
Coniugando crudeltà e tenerezza, Ornela Vorpsi riesce a ritrarre quell’essere meraviglioso e fragile che è l’umano, capace di vendersi al prezzo di un sogno, persino nel momento del respiro ultimo. Una scrittura spietata e intrisa di ironia, animata da una lingua unica, ricca di potenza simbolica, che fa dell’assenza di radici la sua forza e trasforma lo spaesamento in strumento di conoscenza.

Altri libri diOrnela Vorpsi
Altri libri diAltre narrative