Giulio Einaudi editore

Racconti dell’errore

Racconti dell’errore
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

«Degli innumerevoli errori commessi, gli viene risparmiato l'ultimo, di sicuro il piú grave - quello che consiste nel credere che a certe condizioni l'errore si sarebbe potuto evitare. No, questo no: lui sa che li avrebbe rifatti tutti, tali e quali».

Alberto Asor Rosa, Racconti dell'errore

***

Sei racconti esemplari, sapienti e ironici, sulla memoria e l'amore, sulla morte e il tempo.

2013
Supercoralli
pp. 224
€ 19,50
ISBN 9788806216320

Il libro

Esiste una vita che si può definire impenetrabile alle influenze esterne? Forse sí. Basta cercarla in quelle esistenze fondate sull’errore, inteso come allontanamento sistematico dalle regole della società o della natura.
Aristide pensa di dover morire in ogni istante della sua vita, e ha pianificato la sua intera esistenza intorno a uno di questi potenziali momenti fatali. Tonino invece non crede che invecchierà mai, fino a che un incontro casuale gli restituisce il peso di tutti gli anni che ha sulle spalle.
Tommaso non immaginava che l’amore esistesse al di fuori dei libri: la poesia greca sarà lo strumento per recitare in pubblico i suoi sentimenti…
Anche le vite tenute in scacco dalla paura, o rese incolori da un’indifferenza che sembra inestirpabile, all’improvviso possono venire illuminate dalla piú elementare – eppure piú difficile – delle epifanie: scoprire che si può o si deve morire aumenta la carica degli affetti, li rende assoluti.
Sei ritratti di «uomini non illustri» che sono, da un lato, apologhi sui grandi e piccoli addii che costellano le nostre esistenze e, dall’altro, struggenti storie d’amore. Con una scrittura elegante e ironica – e uno sguardo sempre vigile sui destini dei suoi personaggi – Alberto Asor Rosa compone un prezioso apprendistato all’arte del congedo.