Giulio Einaudi editore

Mi chiamo Roberta, ho 40 anni, guadagno 250 euro al mese

Copertina del libro Mi chiamo Roberta, ho 40 anni, guadagno 250 euro al mese di Aldo Nove
Mi chiamo Roberta, ho 40 anni, guadagno 250 euro al mese
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

«Quando scrissi Superwoobinda, alcuni anni fa, volevo delineare una generazione priva di futuro. Il futuro, purtroppo, è arrivato».

Aldo Nove

2006
Stile Libero Inside
pp. 182
€ 12,50
ISBN 9788806146498

Il libro

Questa non è fiction. È realtà. La realtà del lavoro oggi. La parte non protetta, debole, insicura. Una faccenda che riguarda tutti. Un libro composto di interviste affilate come lame a giovani e non piú giovani, cui si affianca ogni volta il commento e racconto di Aldo Nove sul sogno perduto di una generazione di adulti costretti a forza a rimanere bambini.

Persone vere, mai raccontate però. Chi lavora in agenzie web, chi fa il pastore precario, chi vive flessibilità di ogni genere, chi rimane stagista a vita, chi a vent’anni fa un lavoro «di relazioni e di successo», chi lavora in uno studio da avvocato ma si mantiene facendo il cameriere, chi fa il part-time in un museo. Lavoratori per Internet, lavoratori interinali… E «quarantenni narcotizzati da una quotidianità sovrastante», per i quali è sempre piú difficile permettersi di fare figli. Aldo Nove usa qui la scrittura per mettere a nudo la realtà, nel modo piú semplice e senza fronzoli. Affiancando ogni volta alle «cose viste» il suo racconto-commento, sommesso e radicale. Un’inchiesta coraggiosa e fuori dal coro, una lettura che davvero toglie il fiato.

Un docudrama italiano, un reportage aspro delicato e struggente. I conti definitivi con i sogni, le autoillusioni, le idee, le sconfitte e l’orgoglio della generazione di cui, con questo libro, Aldo Nove diventa l’autentico portavoce.

Roberta: quando insegnare diventa un lusso.
Alessandra: il mestiere di grafico pubblicitario dopo gli anni Ottanta.
Domenico: si può essere pastori con partita Iva?
Riccardo: i lavoratori della televisione, oggi: «manovalanza intellettuale riciclabile come plastica».
Angelo e Armando: «classe operaia» e “globalizzazione”: funziona?
Leonardo: Dotcom e «feudalesimo di ritorno»: cronaca di un disastro annunciato.
Cilia: un primo scontro frontale con le agenzie interinali.
Marco: un secondo scontro frontale con le agenzie interinali.
Maria: la figlia orfana della «grande bolla».
Storia di Fabio: un «antagonista» del XXI secolo.
Maria Giovanna: il corpo come merce, storia molto antica ma sempre attuale.
Edoardo: scuola contro Pepsi-Cola.
Luigi: Marco Biagi, chi era costui?
Carlo: «Mi chiamo Carlo, sono di Caltagirone, mi rompo il culo a lavorare diciotto ore al giorno, ma c’è gente che anche volendo non può farlo, perché lavoro non ce n’è»…

Altri libri diAldo Nove