Giulio Einaudi editore

Le Vendicatrici. Luz

Solo per amore
Le Vendicatrici. Luz
Solo per amore
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Il romanzo che chiude il ciclo delle Vendicatrici è una storia d'amore passionale e un thriller che mette in scena con naturalezza la ferocia piú estrema. E una inaspettata speranza, che può ribaltare e annullare tutto, perfino il dovere della vendetta.

2013
eBook
pp. 184
€ 6,99
ISBN 9788858411971

Il libro

Fare arrabbiare una donna è pericoloso.
Farne arrabbiare quattro è da pazzi.

Il quarto romanzo del ciclo Le Vendicatrici.

***

Un traffico di merce umana che scavalca le frontiere e arriva sotto le finestre di casa nostra, insospettabile e demoniaco. La precarietà delle vite di scarto, destinate al macero. La forza degli umili, dei rifiutati. In questo romanzo teso e durissimo, eppure illuminato da una misteriosa luce, la catena internazionale del nuovo crimine si stringe sul destino di una donna in fuga. Che può contare solo su Luz, sulla sua strana famiglia femminile. E su un paio di angeli.

Due terremoti scuotono la vita di Luz, che è appena riuscita a trovare una nicchia felice, nell’affetto della figlia Lourdes e nella protezione della nuova famiglia formata dalle tre amiche Ksenia, Eva e Sara. Le piomba in casa Mirabel, fuggiasca dalla sua Colombia, portando con sé tutto quello che Luz si era lasciata alle spalle. E il suo amore per Ksenia è sconvolto dall’attrazione improvvisa per un uomo affascinante e pericoloso…

***

«La gente non aveva ancora capito come funzionava. Le persone sparivano e diventavano personaggi di trasmissioni televisive specializzate che ne trattavano i casi anno dopo anno. Fornivano informazioni, chiedevano aiuto e sostegno per ritrovarle. Ma non capitava mai, perché l’unica verità da raccontare era che il mondo è pieno di predatori che si alzano la mattina con l’unico scopo di impadronirsi di altri esseri umani. Poteva trattarsi di semplici individui o di bande organizzate, ma con la forza o con l’inganno riuscivano comunque a rapire alcune migliaia di individui all’anno».