Giulio Einaudi editore

L’anti-Edipo

Capitalismo e schizofrenia
Copertina del libro L’anti-Edipo di Gilles Deleuze, Félix Guattari
L’anti-Edipo
Capitalismo e schizofrenia
indice
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Una premessa epistemologica per una critica materialistica della psicanalisi, accusata di prevaricazione autoritaria in difesa del capitalismo.

2002
Biblioteca Einaudi
pp. XL - 487
€ 30,00
ISBN 9788806163235
Traduzione di
Introduzione a cura di

Il libro

Il punto di partenza di questo volume, che ha suscitato al suo apparire in Francia nel 1972 un dibattito vivacissimo, è una critica della psicanalisi (di ogni scuola, ma soprattutto freudiana), accusata di prevaricazione autoritaria in difesa del capitalismo. Gli autori ritengono di poter identificare le ragioni e il momento di quella involuzione, indagando il meccanismo che portò Freud dalla scoperta del complesso di Edipo alla sua formulazione teorica. Dopo aver descritto il funzionamento del desiderio come produzione e «macchina desiderante», analogo al lavoro, gli autori attribuiscono la sua rimozione originaria alla repressione sociale, timorosa del carattere rivoluzionario e sovversivo del desiderio. L’inconscio non sarà piú il luogo del desiderio reale ma un insieme di credenze e di rappresentazioni indotte (dalla struttura sociale, dagli agenti familiari, dallo psicanalista). Deleuze e Guattari passano poi a studiare il modo di formazione della struttura edipica nella società primitiva, in quella barbarica e nel capitalismo; e giungono a definire il processo schizofrenico come limite del capitalismo. Affrontando il rapporto tra psicanalisi e marxismo, l’opera ha come obiettivo polemico i limiti del freudo-marxismo tradizionale (Reich, Marcuse, Fromm) e del lacanismo, ma anche quelli di alcune tendenze dell’antipsichiatria contemporanea. Gli autori hanno impostato, forse per la prima volta, una premessa epistemologica per una critica materialistica della psicanalisi, mettendone in luce l’insieme delle connotazioni ideologiche e idealistiche, a partire dalla dimostrazione del carattere secondario dell’inconscio freudiano, e dalla sua concreta articolazione con le forze sociali e produttive del capitalismo.