Giulio Einaudi editore

Simposio

Simposio
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Testo a fronte.

***

«Si ama ciò di cui si è privi e ciò che non si possiede...»

2014
ET Classici
pp. LXXVIII - 305
€ 12,00
ISBN 9788806222420
Traduzione di
Introduzione a cura di
Contributi di

Il libro

In una nuova traduzione e cura, uno dei piú celebri dialoghi platonici nel quale il filosofo mette in scena tutto ciò che i Greci hanno concepito in materia di eros. Nel Simposio si racconta di un banchetto organizzato per celebrare la vittoria che il poeta Agatone aveva riportato nell’agone tragico delle Lenee. I presenti, da Aristofane ad Alcibiade a Socrate, tengono a turno discorsi sulla natura di Eros e, nello sforzo di superarsi a vicenda in una sorta di gara, declinano la forma dell’encomio tradizionale in un climax drammatico in cui ogni discorso mette in risalto una tesi particolare: Eros come il piú antico degli dèi (Fedro), il contrasto tra eros divino ed eros popolare (Pausania), l’eros come principio universale della natura (Erissimaco), l’eros come brama dell’uomo verso la sua metà perduta (Aristofane), Eros come il piú giovane, il piú bello e il piú eccellente degli dèi (Agatone). Infine Socrate, che non propone un suo discorso, ma riferisce quel che ha appreso dalla sacerdotessa Diotima di Mantinea, stabilendo un punto fondamentale, ma altrettanto ineluttabile: la natura carente dell’amore e dell’innamorato.

Altri libri diPlatone
Altri libri diFilosofia antica