Giulio Einaudi editore

L’ovvio e l’ottuso

Saggi critici III
Copertina del libro L’ovvio e l’ottuso di Roland Barthes
L’ovvio e l’ottuso
Saggi critici III
indice
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

"Oggi, a livello delle comunicazioni di massa, sembra che il messaggio sia presente in tutte le immagini: come titolo, come didascalia, come articolo di stampa, come dialogo di film, come fumetto. Si vede dunque che non è del tutto giusto parlare di una civiltà dell'immagine: siamo ancora e piú che mai una civiltà della scrittura, perché la scrittura e la parola sono sempre termini pieni della struttura informazionale".

2001
Piccola Biblioteca Einaudi Ns
pp. X - 318
€ 20,00
ISBN 9788806152871

Il libro

Barthes e il mondo figurativo: la pittura, la fotografia, il cinema, la scrittura. Barthes e il teatro: la rappresentazione e i classici greci, la «continuità» Diderot Brecht Ejzenstejn. Dunque la scrittura del visibile. Poi il corpo della musica: l’ascolto, il canto romantico, Schumann, la voce e la lingua. Saggi, scritti, note, dagli anni Sessanta alle ultime carte, redatte poco prima della scomparsa del grande semiologo e scrittore. Saggi critici che documentano anche l’evoluzione del modo di scrivere di Barthes, l’accostarsi a opere e situazioni, il trascriverne il percorso, il senso. Tra senso ovvio, quello che l’autore ha intenzionalmente prestato all’opera, e che è tratto dal piú largo lessico comune dei simboli, e senso ottuso, quello che «accade in eccesso, come un di piú che la mia intelligenza non giunge ad assorbire del tutto e sfugge».

Altri libri diRoland Barthes