Giulio Einaudi editore

L’impero dei segni

Copertina del libro L’impero dei segni di Roland Barthes
L’impero dei segni
indice
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Le notazioni di viaggio e le perlustrazioni di un grande semiologo nel paese della scrittura, il Giappone.

2002
Piccola Biblioteca Einaudi Ns
pp. 139
€ 17,50
ISBN 9788806162603
Traduzione di

Il libro

«Perché il Giappone? perché è il paese della scrittura: fra tutti i paesi conosciuti, è in Giappone che ho incontrato la pratica del segno piú vicina alle mie convinzioni e ai miei fantasmi, o, se si preferisce, piú lontana dai disgusti, irritazioni e rifiuti che suscita in me la semiocrazia occidentale». Dice Barthes a proposito di quest’opera, al tempo stesso notazione di viaggio (ma agli antipodi delle cronache del letterato – inviato speciale) e perlustrazione entro un intero sistema di vita. Ne è risultato un libro particolarissimo, esauriente sotto tanti punti di vista, ricco di dottrina e di fatti concreti, perché, come ricorda ancora l’autore, «il luogo dei segni non è cercato negli aspetti istituzionali ma nella città, nel negozio, nel teatro, nella cortesia, nei giardini, nella violenza. Ci si occupa di alcuni gesti, di alcuni cibi, di alcune poesie; ma soprattutto di volti, di occhi e di pennelli con cui si può scrivere, ma non dipingere, il tutto».

Altri libri diRoland Barthes