Giulio Einaudi editore

L’attrito del tempo

Bellow, Nabokov, Hitchens, Travolta, Trump. Saggi e reportage, 1986-2016
L’attrito del tempo
Bellow, Nabokov, Hitchens, Travolta, Trump. Saggi e reportage, 1986-2016
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

È il mondo, con le sue infinite possibilità, a fare da combustibile alle idee di Martin Amis: L'attrito del tempo è una raccolta incandescente.

2019
eBook
pp. XII - 392
€ 10,99
ISBN 9788858431061
Traduzione di

Il libro

«Scrivere è un processo fisico molto piú di quanto comunemente si pensi. Molto spesso non fai che obbedire al tuo corpo senza fiatare e senza opporre resistenza», dice Amis a proposito dell’ispirazione. E i saggi, gli articoli di cronaca e di costume, le recensioni e le riflessioni letterarie presenti in questa raccolta non possono che nascere da quello stesso impulso travolgente, da quella stessa «sensazione in fondo alla gola, come il desiderio della prima sigaretta» che anima la scrittura dei suoi romanzi. Gli omaggi agli eroi letterari Nabokov, Bellow o Larkin, gli originali auguri per i cinquant’anni di Arancia meccanica, i sopralluoghi nell’America Latina del mito di Maradona e dei narcos colombiani, le risposte caustiche alle domande dei lettori, la carriera di John Travolta, le spassose riflessioni sul tennis o sul gioco d’azzardo, o le inchieste sull’industria del cinema pornografico americano: se nell’Attrito del tempo c’è un filo conduttore, è senza dubbio il genio intrepido e irriverente di Martin Amis. «Solo il revisore, il correttore di bozze, e naturalmente l’autore sono costretti a leggere un testo dall’inizio alla fine», dichiara Amis nella sua nota iniziale, tacendo il fatto che anche al lettore sarà riservato lo stesso destino. E non certo per vincolo imposto, ma per la seduzione fatale delle sue parole.