Giulio Einaudi editore

La guerra contro i cliché

Saggi letterari
La guerra contro i cliché
Saggi letterari
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

«La mia vita privata era alquanto bohémien, hippy ed edonistica. Diciamo pure tranquillamente debosciata. Ma in fatto di critica letteraria avevo principî morali ferrei. Non facevo che leggere libri di critica: mi portavo dietro i miei Edmund Wilson e William Empson praticamente ovunque: nella vasca da bagno, in metropolitana. Prendevo questa faccenda molto sul serio».

2014
eBook
pp. 226
€ 7,99
ISBN 9788858417058
Traduzione di

Il libro

I saggi, le recensioni, le letture di devastante arguzia e le scazzottate letterarie di Martin Amis sono dispacci provenienti da un’epoca in cui la critica era, sí, una faccenda molto seria, ma anche maledettamente divertente. Lungi dall’essere l’estenuato rituale di un laboratorio (come a volte è oggi nelle università) o il proseguimento della pubblicità con altri mezzi (come a volte è sui giornali), la critica era il fronte in cui la letteratura incontrava la società, il campo di battaglia e la posta in gioco nella guerra dei significati. Un’epoca, ad esempio, dove la recensione – il piú umile ma allo stesso tempo il piú puro dei gesti critici – non era la mera ostensione di un gusto, ma l’occasione per misurare il talento individuale dell’autore sullo sfondo del canone, e l’intelligenza non rispondeva a nessuna legge se non a quelle della letteratura. Però Amis fa anche un’altra cosa in questo libro, forse la piú preziosa. Ci ricorda che quell’epoca non è ancora finita. Nessuna passione, di certo non quella per la critica letteraria, è spenta per sempre.