Giulio Einaudi editore

Il buio, il fuoco, il desiderio

Ode in morte della musica
Copertina del libro Il buio, il fuoco, il desiderio di Gino Castaldo
Il buio, il fuoco, il desiderio
Ode in morte della musica
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Un'appassionata denuncia della scomparsa degli elementi fondamentali che hanno generato la grande musica popolare del Novecento. Un pamphlet intenso e provocatorio per chiunque non si rassegna al mondo dell'infinita ripetizione. Perché senza buio, fuoco e desiderio non c'è nemmeno la musica.

2008
Stile Libero
pp. 160
€ 11,50
ISBN 9788806196721

Il libro

La musica è finita ogni volta che qualcuno l’ha uccisa, e ogni volta, per questo, è rinata. È finita quando John Cage fece eseguire il suo silenzio, e nello stesso periodo nacque il rock’n’roll. È finita quando è morto John Coltrane, e Jimi Hendrix incise il suo primo disco. Oggi nessuno piú la sfida, niente piú ne segnala la fine, e forse è per questo che la musica è davvero morta. O almeno sono morti i suoi elementi guida. Lo scenario in apparenza ottimista del mondo tecnologico e connesso non è che un simulacro: la musica impazza su computer e telefonini, domina i messaggi pubblicitari, inonda gli spazi del mondo contemporaneo, ma non è la «musica di oggi», il nostro tempo non ha ancora la sua colonna sonora. La musica non si è evoluta: è un organismo agonizzante. Che ne è della passione, del fuoco sacro che ne ha accompagnato l’evoluzione nella lunga storia discografica? Castaldo ne analizza spietatamente l’identità perduta. Segue, come in un’elegia, le tracce del fuoco, del buio e del desiderio, i tre elementi senza cui la musica non ha ragione di esistere. E apre, infine, una finestra sul futuro.

«La musica non va piú ascoltata, va toccata, sporcata, ferita, abbracciata, abbandonata, assassinata. In ultimo, va liberata. Per poterla riascoltare».

Altri libri diGino Castaldo
Altri libri diMusica