Giulio Einaudi editore

Walkscapes

Camminare come pratica estetica
Copertina del libro Walkscapes di Francesco Careri
Walkscapes
Camminare come pratica estetica
indice
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Un ricco apparato di citazioni, fotografie, volantini, comunicati stampa, poesie, mappe, voci di glossario, inserti tematici, racconti permette al lettore un percorso parallelo attraverso le testimonianze di chi si è preoccupato piú di camminare che di lasciare tracce.

2006
Piccola Biblioteca Einaudi Ns
pp. XIV - 172
€ 20,00
ISBN 9788806180676
Prefazione a cura di

Il libro

Prima di inventare l’architettura l’uomo possedeva una forma simbolica con cui trasformare lo spazio: l’azione del camminare. È camminando che l’uomo ha cominciato a costruire il paesaggio naturale che lo circondava. È camminando che nell’ultimo secolo si sono formate le categorie con cui interpretare i paesaggi urbani che ci circondano. Walkscapes tratta del girovagare come forma d’arte, come atto primario di trasformazione del territorio, come strumento estetico di conoscenza dello spazio, come pratica di intervento urbano atta ad esplorare e trasformare gli spazi nomadi della città contemporanea. Dall’erranza paleolitica al nomadismo neolitico, da Dada al surrealismo, dal lettrismo all’Internazionale Situazionista, dal minimalismo alla land art, questo libro ricostruisce il divenire della percezione del paesaggio e racconta la storia della città di Zonzo, la città del perdersi e del vagare in cerca dell’altrove.

Altri libri diArchitettura